Vis a vis – Il prezzo del riscatto: Recensione

In questi duri giorni di quarantena, ho pensato bene di recuperare una serie abbastanza lunga, in modo da intrattenere le mie giornate. Si tratta di Vis a Vis, ambientata in una prigione molto particolare. Sebbene la trama mi ha coinvolto fin dalle prime puntate, non posso dire lo stesso della serie nel suo complesso. L’ironia della sorte, è proprio il fatto che le detenute del carcere abbiano più libertà di noi in quarantena. La serie è un via via di colpi di scena, grazie anche alla protagonista della serie che ha caratterino di certo particolare. Dalla ragazza impaurita, timida e quasi indifesa, riesce a diventare una vera e propria dura. Vis a Vis però incappa in quello che a molte serie capita: la cancellazione. Tra la seconda e la terza stagione per moltissimi la qualità delle serie cambia, a causa di un cambiamento di network. Incappiamo infatti in una miriade di buchi di trama, senza contare a un sacco di personaggi che vengono tagliati completamente via dalle schematiche a cui eravamo abituati. Addirittura basti pensare che vedremo la protagonista in solo quattro episodi tra la stagione tre e quattro! Okay, abbiamo sempre una controparte di tutto rispetto, tuttavia la serie non riesce a mio avviso a brillare come un tempo, se non con il finale di serie.

Bisogna quindi dividere le prime due stagioni, rispetto alle ultime due. Le prime due stagioni sono un mix di adrenalina, che vi terranno incollati allo schermo. Anche il finale della seconda stagione potrebbe considerarsi quasi un finale complessivo della serie in se, se proprio vogliamo dirlo. Dopo l’ultima puntata della seconda stagione, si chiude infatti un ciclo di quello che era il Vis a Vis che guardavo amare. Un telefilm che sicuramente mi ha aiutato in questa situazione, cavalcando un pochino le orme di Orange Is the New Black e Prison Break. Tuttavia, con la terza e quarta stagione, mi sono ritrovata a trascinarmi a forza per continuare questa serie. Quello che mi aveva all’inizio emozionato, estasiato, catturato.. beh, non c’era più. Non mi sento di raccontarvi filo per segno la trama di un telefilm, ma semplicemente informarvi di quello che mi ha dato nel suo complesso. Vis a Vis è sicuramente una serie che tratta la prigionia, le proprie detenute, ma che al contempo concede uno svariato senso di libertà.

All’inizio della storia ci sembra di avere una sola protagonista. Puntata dopo puntata invece ci ritroviamo ad essere tutte protagoniste di questa serie. C’è la ship potente di tutto rispetto, c’è l’amore tra donne e c’è anche il personaggio tanto odiato. A livello schematico Vis a Vis racchiude tutto quello che bisognerebbe avere come punti di forza. La caratterizzazione di personaggi viene trattata in modo eccelso durante le prime due stagioni, per poi sfumare come vi ho già spiegato sopra. Nel complesso vi consiglio caldamente di guardarla, anche se mi ha deluso sotto tantissimi punti di vista. Nonostante questo, è riuscita comunque a farmi emozionare. Non vi mentirò, le puntate talvolta durano anche un’ora e mezzo abbondante, quindi se non amate i dialoghi lunghi questa non è la serie che fa per voi. Per quanto mi riguarda, essendo una serie spagnola, questa durata non mi ha pesato più di tanto nella visione. Anzi, basti pensare che nelle ultime due stagioni, dove la qualità cambia nettamente, la durata delle puntate è molto più breve. Nonostante ciò, mi sono annoiata maggiormente a guardare quel frammento complessivo. Quindi è molto soggettivo, tuttavia a parecchi di voi piacciono le serie corte e brevi.

Un altro punto di forza è tuttavia la presenza di personaggi già noti ne ‘La casa di carta’, che sicuramente non lascerà molti di voi indifferenti. Basti pensare: quanti telefilm iniziamo per un attore? Beh, moltissimi! Quindi sicuramente conoscerete già Vis a Vis per questo motivo. Gli alti e bassi in una serie sono ovviamente scontanti, quindi non posso certamente lamentarmi. A prescindere è stato un viaggio che non ho potuto fare a meno di percorrere, fino alla fine. Fatemi sapere voi che ne pensate di Vis a Vis!

Voto 7