In italiano lo conosciamo come “L’estate in cui imparammo a volare”, ma in originale fa un effetto certamente diverso. Firefly Lane è un drama a tutti gli effetti, che ci regala sullo schermo due grandi protagoniste: Katherine Heigl e Sarah Chalke. Se ho iniziato la serie per loro? Beh, certamente si. Delle buone attrici, non possono essere l’unica meraviglia del telefilm, infatti Firefly Lane si conferma un piccolo gioiellino per altre piccole cose. Un telefilm che ci narra un’amicizia speciale, tra passato e presente.

Tully e Kate sono si grande amiche, ma hanno due personalità completamente opposte. Tully è esuberante, sempre pronta al rischio, la classica cattiva ragazza dal cuore d’oro. Kate d’altro canto, ha un animo più tranquillo, è riservata e molto timida. Forse è proprio questo che unisce le due ragazze/ora donne! Si riescono a compensare dove peccano, riuscendo sempre ad essere la spalla dell’altra. Firefly Lane sicuramente incappa nei soliti drama visti, ma la delicatezza della narrazione è sempre qualcosa a cui non so resistere. Insomma, avete presente i classici telefilm che vi lasciano sempre qualche piccolo insegnamento?

Ecco, sono quelli che io adoro, più in assoluto. Sono i telefilm che non vogliono strafare, ma raccontarti semplicemente una storia. Questa prima stagione riesce a farlo egregiamente, anche se secondo me si perde in molte pecche di linearità. Ad esempio, avrei preferito più chiarezza tra passato e presente, sopratutto nella loro versione da adulte. Si può sempre migliorare, questo è certo, tuttavia questo errore ha abbassato la mia valutazione di visione. Ad ogni modo, vi consiglio la visione se amate le storie semplici, con dei grandi picchi di drama.

Voto 7.5

Commenti disabilitati su Firefly Lane: Recensione (Netflix)