Scorpion: Recensione 1×04: Shorthanded

La recensione: 

Con la quarta puntata di Scorpion si è finalmente un po’ abbassato il tono del telefilm; non che non mi piacessero le scorse puntate piene di suspense, ma era difficile mantenere il tiro a lungo!

In questa puntata abbiamo visto la squadra Scorpion prendere un lavoro da privati, senza quindi la guida dell’agente Gallo. Si sentiva già puzza di guai con questa premessa! Il lavoro si svolgeva in un casinò, per la felicità di Toby che ha problemi col gioco d’azzardo!

Quando ormai la missione per cui erano stati assunti era conclusa Walter viene incastrato per una rapina avvenuta nel casinò e portato in prigione…come faranno i suoi compagni a tirarlo fuori senza il loro capo e senza la mente principale del gruppo?

Fra varie peripezie, tra cui anche un lancio su una fune sospesa fra due palazzi in stile Mission Impossible, i nostri protagonisti riescono a uscirne sani e salvi, anche se alla fine Cabe è stato chiamato per salvare la situazione!

Come ho già anticipato questa puntata è stata meno movimentata rispetto alle altre, ma non per questo mi è piaciuta meno! È un telefilm tutto nuovo e apprezzo le novità, poi i personaggi sono tutti sviluppati molto bene e azzeccati per quello che devono fare…penso di non aver ancora dato un voto inferiore all’8 a questa serie, e continuerò così perché se lo merita!

Voto: 8

Recensione a cura di Anna Nicoli

[banner]

Commenti disabilitati su Scorpion: Recensione 1×04: Shorthanded