Once upon a time: Recensione 4×14: Unforgiven

10942757_1035731503107616_3803116103200332434_n

 

Once upon a time: Recensione 4×14: Unforgiven

Questa puntata di Once è trash quanto la cover di Crudelia in questo episodio. Ma partiamo dal principio, dove Snow è tornata a non essere poi così spavalda nel giro di sette giorni.. meglio di Samara di the ring. Ora ditemi, come faccio a reggere quaranta minuti di Charminghi la noia pt. 2, accompagnati da dei flashback altamente improbabili? Non posso, ecco tutto. I genitori più modello dell’esistenza, hanno un oscuro segreto da non rivelare. Ebbene, dopo aver fatto ammenda per 452 stagioni con Emma, confessano di non averne avuto abbastanza: “figliola, vogliamo prenderti per il culo ogni anno”.

Alla ricerca delle ceneri del drago, che decide di trasformarsi nella Fenice di Harry Potter che risorge appunto dalle sue ceneri, scoprono che le loro bugie hanno le gambe corte come quelle di pinocchio allo status attuale. Malefica è infatti resuscitata, per tornare da drago a umana con una facilità impressionante. No, non la possiamo vedere con gli abiti civili perché deve recitare in Maleficent anche quando è a Storybrooke. Come se non bastasse decide di ingravidarsi nello stesso momento di Snow, si vede che entrambe si sono recate dallo stesso specialista della fertilità. O forse semplicemente si scoprirà che Rumple ha fatto un incantesimo per facilitare la coincidenza disarmante.

Non c’è dato saperlo, così come non c’è dato sapere l’improvvisa cecità di Belle. Ingannata dalla cessa Ursula la tentaculosa, si fa sottrarre un misterioso antefatto.. che alla fine dell’episodio non servirà una sega secca. E’ rilevante? No, ma è un modo per passare altri dieci minuti dell’episodio. Emma continua a esporre i suoi dubbi a Hook, nella versione sole cuore amore di sua madre. Questa volta decide di non scappare dal pirata che ha un passato più lungo di quello di mia suocera.. cosa nasconderà ancora? Che durante una spedizione ha visto come Ursula da viola si è tramutata in verde?

Regina intanto rimarca il concetto anche in questo episodio: non è più cattiva, vuole il suo lieto fine e cose varie.. anche no grazie! Per fortuna potrebbe diventare un alleata delle nostre tre arpie, così anche se per recita la rivedrei nei panni della vera evil. Sicuramente sarebbe più credibile di una Emma cattiva, che nasce addirittura già così! Certo, probabile come una nascita di un mulatto da due bianchi. Ma questo è Once Upon a time e la magia è in ogni luogo e in ogni lago.. quindi anche la magia bianca può diventare nera. Non fa una piega. Perdonatemi, ma ho trovato questa puntata veramente soporifera, ci manca solo che il figlio di malefica sia il gemello di Neal e siamo apposto. Ah no, scusate! Delle teorie dicono sia Lily, l’amica super friend apparsa in mezzo episodio qualche tempo fa. Certo, l’importante alla fine è coinvolgere sempre qualche parentela. L’albero genealogico di Storybrooke è più complicato di Beautiful.