10 buoni motivi per guardare LOST

10 buoni motivi per guardare LOST

Penso che dieci motivi siano riduttivi se parliamo di Lost, in quanto se ne potrebbero trovare un centinaio almeno, ma dieci dovrebbero bastarvi per convincervi, se ancora non lo avete fatto, a guardare Lost!

1) La recitazione. 
Penso che pochi telefilm possano vantare un cast eccezionale quanto quello di Lost, non è raro che in molti telefilm si trovino attori che diano poca consistenza al personaggio o che non lo caratterizzino per niente, ma Lost non è uno di questi. Vogliamo parlare di Michael Emerson e Terry O’Quinn che hanno vinto pure un Emmy? Per non parlare delle numerose nomination! 

2) Le location.
 Un’altra cosa che Lost può decisamente vantarsi di avere sono i luoghi delle riprese, non tutti i telefilm vengono girati in riva all’oceano, su quelle che sono considerate tra le spiaggie più belle al mondo. Ma non solo, sul set sono stati riprodotti fedelmente anche luoghi come Londra o Turchia. 

3) Le soundtrack. 
C’è poco da dire, Michael Giacchino è pura genialità, riesce a rendere le scene perfette con le sue musiche e ti riesce a dare pure emozione. 

4) Le ship. 
Lost non è decisamente un telefilm che ha come fondamenta base le ship, ma nella trama se ne sviluppano lo stesso a valangate, si può tranquillamente ricordare anche il triangolo tra Jack/Kate/Sawyer che diciamo è la più importante fra esse. Comunque la mia preferità rimarrà sempre e comunque Charlie e Claire! 

5) I Personaggi. I personaggi di Lost sono un mistero appena arrivati sull’isola, ma sono presto rivelati, ognuno di essi ha un passato che viene svelato,prima o dopo nella trama, non subito si capisce da che parte stanno, ciononostante ognuno di loro ti farà piangere. (Tranne Nikki e Paulo, loro no.) 

6) Not Penny’s Boat.
 Non è la nave di Penny.

7) John Locke.
 John Locke è uno dei personaggi più emblematici del telefilm, ed è anche quello che vi farà soffrire maggiormente, potete odiarlo od amarlo (Scherzo,non si può odiare John Locke, farisei) ma vi farà sempre sconbussolare le vostre emozioni. Terry O’Quinn rende il personaggio così unico da sembrare vero! 

8) I simboli. 
E no, non mi riferisco semplicemente al simbolo Dharma, che appare dalla terza stagione in poi, l’isola è un posto misterioso e pieno di simboli e numeri che si ripetono continuamente lungo tutte e 6 le stagioni, come dimenticare la sequenza numerica 4,8,15,16,23,42 che i fan di Lost avranno sicuramente giocato alla lotteria almeno una volta nella vita. 

9) Il mistero.
 Lost è un telefilm basato tutto sul mistero, è un elemento che non manca in quasi ogni puntata, dal fumo nero ai sussurri, da Henry Gale a Jacob, tutto questo aumenta la suspance e rende le stagioni tutte ricollegabili, ogni dettaglio coincide con un altro. 

10) Il finale.
 Devo dire che molte persone hanno opinioni differenti sul finale, sempre che lo abbiano capito, a mio parere non ci poteva essere un finale migliore a quello dato a Lost. Nonostante sia sempre difficile immaginare la nostra serie tv preferita finire devo dire che mi ritengo soddisfatta, non ti lascia amaro in bocca,fa finire la serie esattamente da dove è iniziata. 

A cura di Katherine Downey Bohen

Precedente The Walking Dead: Recensione 6x12: Not Tomorrow Yet/Non è ancora domani Successivo Teen Wolf: Recensione 5x20: Apotheosis (SEASON FINALE)