Lo abbiamo aspettato e acclamato, siamo rimasti pazientemente a bocca asciutta per ben novanta giorni, ma finalmente Once Upon a time è tornato! Parto subito dicendovi che dopo il fantastico mid-season, e dopo aver sclerato annegando nei feelings per la morte del mio bitch pan e del mio Tremotino, avevo l’ansia a mille e mi aspettavo un ritorno bomba! Sono stata un po’ delusina diciamo, in quanto gli autori mi hanno offerto un ritorno abbastanza introduttivo! Veniamo teletrasportati nella vita di Emma, apprendendo così come la nostra biondina e protagonista preferita abbia passato il suo ultimo anno.

Lasciamo un attimo da parte le ship di questo telefilm, anche se è certamente chiaro che dovremmo parlarne (soprattutto in questa puntata), e concentriamoci invece sulla nostra protagonista. Bisogna dire che la nostra Emma si è trovata una scimmia come nuovo ragazzo. Ora, andiamo, che siate Capitan Swan o Swanfire il vero quesito è: Ma da dove cavolo se l’è trovato uno del genere? Passiamo però al mondo delle fiabe, dove le resuscitazioni sono all’ordine del giorno. Ebbene sì, il principe Filippo e Aurora sono vivi! Si sa, l’ho sempre detto: gli autori e l’approfondimento dei personaggi non vanno d’accordo. In tre anni mi sono vista passare davanti agli occhi milioni e milioni di personaggi, per poi vederli per due fotogrammi in croce. Ovviamente spero che questo non sia replicato con hulk woman, perché sarebbe veramente un peccato. Comunque, vi stavo dicendo del mondo delle fiabe, dove la mia Regina Mills fa sempre la sua porca figura! (Scusate il termine, ma lei è la migliore) Scena assolutamente bellissima e toccante quella in cui seppellisce il suo cuore, avevo le lacrimucce! E’ triste la nostra cattiva preferita e non vuole pensare al figlio, che ha perduto.

E’ estremamente fragile in quel momento. Un parallelismo mi ha rimandata a sua madre (Cora), la quale si sbarazza del suo cuore per non provare nessuna emozione. Regina si fa tuttavia forza grazie alle parole di Snow, cosa che sinceramente non mi è assolutamente piaciuta. Ora, ricordiamoci che lei è la super Evil Queen, la donna che ha cercato di ammazzare in tutti i modi possibili e inimmaginabili la nostra Biancaneve, quindi vederla carina e dolce con Snow era un po’ surreale per i miei occhi! (Snow io non la tollero proprio!) Comunque sia, Regina è riuscita ad animare la puntata con le sue risposte saccenti e sempre soddisfacenti, soprattutto quelle rivolte al nostro Robin Hood! L’incontro di per sé mi è piaciuto, ma mi aspettavo sinceramente qualcosa di più! Comunque sia.. già li shippo questi due insieme! La puntata si svolge in seguito con una prevalenza Capitan Swan eccessiva, con tanto di presentazione di Hook a Henry. Che poi, ok, sarà colpa mia che non amo questa ship, ma come si può sclerale per un “Killian”? Scusate, ma mica poteva presentarlo così: “Ciao Henry! Lui è Capitan uncino, l’ho baciato perché sono sempre arrapata! Credi alle fiabe? Alle fatine? Beh, la fata turca è resuscitata e non importa nulla a nessuno. Va beh, comunque questo è quanto, ora fai i bagagli da bravo figlioletto che sei!”

 

Dai suvvia, non c’è nulla per cui agitarsi. Altra cosa che non mi è piaciuta in questa puntata è stata la facilità in cui Emma recupera la memoria. Mi aspettavo qualcosa di più tormentato, magari portato avanti per tre puntate, con la wicked green che tramava tutto alle spalle. Quindi è legittimo chiedermi: dove vogliono arrivare gli autori? “The queen may be evil but I’m wicked, and wicked always wins” abbiamo appreso pochissimo dalla nova hulk, speravo big chaos totale, in una sfida all’ultimo sangue.. però niente da fare, hanno voluto optare per questa puntata molto rilassante. La wicked mi sembra una buona sfidante per la nostra Regina, ne vedremo sicuramente delle belle!

Voto 5 (Troppo introduttiva per una premiere, mi è mancato Tremotino!)

Irene

Promo della prossima puntata, finalmente entriamo nel vivo!

 

[banner]
Commenti disabilitati su Once Upon a Time: Recensione episodio 3×12: New York City Serenade