Recensione: “Ti prego perdonami” di Melissa Hill

Cari lettori, oggi vi parlo di un libro un po’ al di fuori dalle mie preferenze, ma con cui ho comunque passato delle piacevoli ore. Dall’autrice di “Un regalo da Tiffany”, un romanzo autoconclusivo che sono certa apprezzerete se conoscete già questa scrittrice. Un ringraziamento speciale va alla Rizzoli, per avermi inviato la copia cartacea del romanzo.

71PZB7K3BtLTitolo: Ti prego perdonami

Autore: Melissa Hill

Edito da: Rizzoli

Pagine: 354

Prezzo: 18,00€

Data d’uscita: 25 Giugno 2015

Trama: Chi non ha mai sognato di saltare sul primo aereo e lasciarsi tutto alle spalle? Leonie, capelli rossi e cuore irlandese, l’ha appena fatto. Se ne è andata da Dublino mandando a monte il matrimonio, ed è volata nell’incantevole e libera San Francisco dei cable car, delle otarie che prendono il sole sul molo, dei cieli azzurrissimi e frizzanti, per provare a iniziare da capo in un luogo dove nessuno sa chi è, né conosce il suo segreto. Ma ad aspettare Leonie c’è una storia misteriosa, racchiusa in un cofanetto di legno che trova per caso nella casetta in stile vittoriano con vista sul Golden Gate che ha preso in affitto. Il cofanetto è pieno di lettere d’amore, tutte indirizzate a una certa Helena, e tutte si chiudono con un’identica frase: li prego, perdonami. Chi è quest’uomo così gentile, dolce e disperato che le firma? E perché le lettere sono ancora lì, dimenticate? Commossa dalle parole toccanti e vere che si ritrova a leggere. Leonie si imbarca nell’impossibile tentativo di rintracciare la destinataria di un amore passato. E, forse, ricostruendo la storia d’amore di due sconosciuti riuscirà a fare i conti con la propria. In questo nuovo libro di Melissa Hill tornano lo humor leggero, le amicizie luminose che resistono alla distanza, la curiosità delle ragazze che fa sempre girare il mondo. E, naturalmente, l’amore, più forte che mai.

Puoi acquistarlo qui:

La mia recensione:

Sarete forse sorpresi di sapere che questo è il mio primissimo romanzo di Melissa Hill. Lo so, è scandaloso, ma in realtà non sono mai stata attratta dalla sua scrittura, quindi era forse destino che prima o poi un suo libro mi capitasse tra le mani. Devo dire che la storia non è nemmeno delle più banali, anzi mi ha indotto anche un po’ di curiosità nella lettura. Ti prego perdonami è un libro a tutto tondo, che offre una panoramica di svariati personaggi, i quali sono alquanto curiosi da leggere. Vi chiederete perché, quindi ve lo spiego in brevi parole. Già con la protagonista del libro, Leonie, siamo teletrasportati in una situazione alquanto insolita. Tralasciando la sua curiosità innata, Leonie è proprio un’ineguagliabile romantica e vuole trovare il lieto fine in ogni storia d’amore, anche se è solamente narrata su carta! E’ una protagonista un po’ snervante se un po’ vogliamo essere sinceri, ma alla fin fine le sue motivazioni hanno un perché. L’autrice ha giocato molto su quest’ultimo punto, collegando ogni personaggio in modo impeccabile e confezionando un mistero irrisolto fino all’ultima pagina. A un certo punto mi sono anche chiesta se non stessi per caso leggendo un vero e proprio giallo, in quanto, cercavo di scervellarmi per capire la dinamica dei fatti accaduti ai nostri protagonisti! Devo dire che non ci sono riuscita, quindi la Hill è riuscita anche a sorprendermi con qualche colpo di scena durante la lettura.

<<Ho nostalgia del tuo sorriso, della tua risata, del profumo della tua pelle, e mi fa impazzire non poterti stringere e dirti che ti amo. Ti prego, perdonami.>> Da Ti prego perdonami.

Non voglio annoiarvi spiegandovi la trama o simili, considerando basta leggersi la scheda del libro per capirne giusto il necessario, ma voglio semplicemente scrivervi le sensazioni che mi ha lasciato questo romanzo. Non è stata una lettura indimenticabile che mi porterò nel cuore, anche se devo ammettere che lo stile dell’autrice è facile e scorrevole da leggere nonostante la terza persona, tuttavia si è rivelato un libro al di sopra delle mie aspettative. I personaggi sono tutti ben caratterizzati, la storia sprona la curiosità e invoglia a conoscere le vicende dei personaggi a 360°, e questo è abbastanza per me. In generale il romanzo invoca una richiesta di perdono, una seconda possibilità, che ognuno almeno una volta nella vita si è ritrovato a chiedere. Chi ha già letto i libri di Melissa Hill, non può di certo lasciarsi scappare questa nuova chicca in libreria, mentre chi non ha mai letto uno dei suoi libri.. beh, questa è l’occasione perfetta per farlo!

Precedente Recensione: "Un’estate contro" di Katie McGarry Successivo 8 buoni motivi per guardare Sense8