Recensione: “Innamorarsi di una stella” di Tina Reber

Reber_Innamorarsi-di-una-stella

Trama: Ryan Christensen è abituato a stare al centro dell’attenzione. Per uno dei giovani attori più pagati di Hollywood, gestire l’entusiasmo delle fan e l’invadenza dei paparazzi è normale routine. Eppure non gli era ancora capitato di dover fuggire da un’orda di ragazzine urlanti e di entrare in un pub ancora chiuso, pregando la proprietaria di aiutarlo a nascondersi… Dopo l’ennesima delusione, Taryn Mitchell ha deciso di non volerne più sapere degli uomini. E di certo non le importa nulla se un belloccio del cinema è in città per girare il suo prossimo blockbuster. Tuttavia, non appena Ryan Christensen si precipita all’interno del suo piccolo locale a Seaport, nel Rhode Island, lei rimane ammaliata dal suo sorriso, dalla sua dolcezza e dalla sua semplicità. E, col passare dei giorni, la voce della ragione si fa sempre più flebile: ogni volta che è con lui, Taryn si rende conto di essere felice come non le capitava da tantissimo tempo. Ben presto, però, scoprirà che innamorarsi di una stella non è sempre un sogno. Anzi spesso è un incubo fatto di giornalisti senza scrupoli, fotografi costantemente in agguato e fan disposte a tutto pur di mandare a rotoli il loro rapporto. Ryan e Taryn saranno abbastanza forti da sostenere il peso della fama, o gli scandali e i pettegolezzi li divideranno?

La mia recensione:

Mi piacciono le sfide. Avete presente quei libri lunghissimi che solo a leggere il numero delle pagine vi spaventano? Beh, io no! Non a caso uno dei miei libri preferiti è “Il cavaliere d’inverno” di Paullina Simons, ma non sono qui per parlarvi di questo. Oggi vorrei invece parlarvi di “Innamorarsi di una stella” di Tina Reber. Lo so, sono parecchio in ritardo con questa recensione, considerando che il libro è uscito un decennio fa… ma ehi, l’importante è leggerlo e parlarvene! Come sempre prima di avventurarmi in questa lettura sono andata anch’io a leggere qualche parere in rete e credetemi, mi hanno scoraggiato non poco. Molti l’hanno appunto definito ripetitivo e questo mi ha certamente frenato a comprarlo! Come sempre mi sono appunto affidata alla mia inseparabile biblioteca, salvezza della mia vita, perché nonostante i pareri molto simili tra loro volevo farmi una mia idea personale. La trama è la primissima cosa che mi ha attratto di questo romanzo e secondo me il suo punto di forza! Infatti, s’intrica e dirama in qualcosa che potrebbe riguardare una quotidianità “a noi” oscura! Quali sono però i punti deboli di questo libro?

Partiamo dal principio. I nostri protagonisti sono Taryn e Ryan, due persone che conducono una vita totalmente opposta ma che allo stesso tempo, sono destinati a incontrarsi. Ryan Christensen è uno degli attori più famosi del momento, mentre Taryn Mitchell è proprietaria di un pub a Seaport! Insomma, che ci azzeccano questi due insieme? L’autrice è stata molto brava a intrecciare la vita di questi due ragazzi, narrando la storia con un incredibile romanticismo, che mi ha coinvolto molto dal punto di vista emotivo. Principalmente mi è piaciuto leggere di come potrebbe essere faticosa la vita di un attore famoso e devo dire la verità, mi ha un po’ illuminata! Questo semplicemente perché io venero tantissimi attori, seguo tantissimi telefilm e soprattutto ho visto qualche attore dal vivo.

Principalmente io stessa ho visto e assistito a fan scalmanate, forse fin troppo, ed è forse per questo che ho apprezzato così tanto la trama di questo romanzo. Qual è allora il punto debole? Una parola: ripetitivo. Ecco, dopo aver letto questa storia, ho capito cosa intendevano molti di voi ma allo stesso tempo mi aspettavo ben peggio! Taryn è una ragazza diversa dalle altre ma potrebbe essere anche un dubbio vivente. A molti questa cosa ha stancato, come la routine ripetitiva che compievano i protagonisti ogni giorno, invece a me ha infuso una conferma di realtà! Chi non ha le proprie paure? Chi non vive in costante routine ogni giorno? Si va al lavoro, si mangia si dorme ma allo stesso tempo quel giorno ha qualcosa di diverso. E’ vero, 723 pagine sono tantissime per questo libro, si potevano omettere tante parti forse irrilevanti, ma questo personalmente influenza di poco il mio giudizio! Quello che vi consiglio è di farvi prestare questo libro, oppure di comprarlo usato se siete dei romanticoni come me, ma non fatene una lettura prioritaria, perché magari vi piacciono i libri più brevi e concisi.

Detto ciò ho selezionato qualche citazione per voi, in 700 pagine lavoro piuttosto difficile, quindi sono certa che apprezzerete! 

“E tu… tu hai qualcosa che nessun’altra donna possiede. Quando ti guardo.. tu mi togli il respiro. Taryn Mitchell, io ti amo. Con tutto il cuore. – Ti amo anch’io più di qualsiasi altra cosa al mondo.”

“Sfortunatamente, Kyle era l’ultima delle mie preoccupazioni. Proprio davanti a me, nella corsia delle casse, c’era un’altra foto patinata del mio ragazzo con gli occhi a forma di cuore, persi in quelli del suo presunto amore redivivo, Lauren Delaney.Il titolo, a grossi caratteri cubitali, annunciava al mondo che i due erano … DI NUOVO INSIEME! LAUREN AMMETTE: NON HO MAI SMESSO DI AMARE RYAN.Quelle parole erano impresse in ogni singolo pensiero. Quando ero stata tradita da Thomas, almeno mi era stato concesso il lusso di esserne tenuta beatamente all’oscuro. Ma la cosa che mi umiliava di più era vedere che Ryan non faceva nulla per fermare tutte quelle bugie.”

La mia stanza era ancora immersa nel buio quando mi svegliai con un sussulto. 
Qualcosa aveva urtato contro il letto… era Ryan, che muovendosi a tentoni si stava infilando sotto le coperte. Senza dire una parola, venne ad accoccolarsi dietro di me, poggiando la testa sul cuscino libero. Io mi feci appena appena indietro, per fargli capire che mi ero accorta di lui, finché non entrai in contatto col suo petto. Lo sentii rannicchiarsi ancora di più e mi accorsi che era completamente vestito. La mano di Ryan mi scese leggera lungo il braccio, sfiorandolo. Con molta lentezza, lasciò scivolare la mano aperta sulla mia e le nostre dita s’intrecciarono. Quando anch’io chiusi le
 dita attorno alle sue, lo sentii fare un lieve sospiro. Non importava quanto mi sforzassi di proteggermi, quanto temessi di rimanere ferita… essere lì sdraiata accanto a lui e mi sembrava la cosa più naturale del mondo. I nostri corpi s’incastravano perfettamente l’uno nell’altro, quasi fossero stati creati per stare così. Era evidente che anche lui era preso da me, almeno tanto quanto io lo ero da lui.”

Valutazione:
 

★ ★ ★★ 

Livello sessualità:
 

❉ ❉ ❉ 

I commenti sono chiusi.