Game of Thrones: Recensione 7×01 (PREMIERE): Dragonstone

Game of Thrones: Recensione 7×01 (PREMIERE): Dragonstone

“L’inverno sta arrivando”, un tormentone che ci ha accompagnato per molto tempo. Abbiamo aspettato, seduti sul nostro trono immaginario il ritorno dei nostri beniamini, e finalmente eccoci qui. Game of Thrones ci ha offerto uno dei suoi classici ritorni. Un ritorno non del tutto top, ma comunque piacevole. Partiamo da Arya, che ha sicuramente salvato la puntata insieme a Daenerys. Arya è cresciuta tantissimo nel corso delle stagioni, da piccola ed ingenua donna, è diventata una vera e propria Stark da temere. Intuibile che sia proprio lei a dominare la scena iniziale, seguita da una serie di pelle d’oca della sottoscritta.

Jon & Sansa intanto, si preparano alla grande guerra. Poco o niente è cambiato dalla 6×10, infatti questa premiere percorre gli stessi avvenimenti dell’ultima puntata in cui ci eravamo lasciati. Jon si conferma ancora una volta un vero e proprio leader e Sansa sa quando indirizzarlo. Tutti dovranno combattere la guerra, nessuno escluso. Cersei al trono, provvede a crearsi nuovi alleati, mentre la nostra Daenerys ha finalmente concluso il suo viaggio. Ebbene si, dopo tremilacinquecento anni Dany è arrivata al Continente Occidentale. Da non credere!

Per il resto cosa è successo di eclatante? Poco e niente, diciamocelo. Sam continua il suo viaggio per diventare Maestro, Ed Sheeran ci canta la sua nuova canzone, a grande inverno si addestrano grandi e piccini.. buono a sapersi. Questa premiere parte bella ricca all’inizio, mandandoci in hype per la sigla iniziale e Arya Badass, ma nel mezzo ci fornisce una miriade di dettagli irrilevanti a quello che alla fin fine sapevamo già. Dany ci regala un finale degno, ma proprio sul più bello la puntata si conclude, facendomi sclerare e ribaltare il computer dalla finestra. Bene ma non benissimo.

Ma alla fin dine le premiere di Game of Thrones sono così. Il vivo si farà sentire nelle prossime puntate, nel frattempo essere tornati in queste stupende ambientazioni è qualcosa di fantastico. Rivedere i nostri personaggi, sclerare nel fandom.. insomma, la magia di Game of Thrones è sempre qualcosa di epico da vivere. Ingrato è quel babbano che non l’ha mai iniziata. Ci rileggiamo settimana prossima, sperando di avere qualcosa di più succoso da dire. Oggi non sono di molte parole, ma The Winter is Here con quaranta gradi e questo basta e avanza.

Voto 7

I commenti sono chiusi.