Ragazzi, questa recensione avrà dell’incredibile. Senza o se o ma, dobbiamo parlare del ritorno di The Walking Dead. Un ritorno che non attendevo particolarmente, soprattutto dopo una decima stagione alquanto pessima. Una stagione che non avevo recensito con gran voglia, quindi cosa mai avrò pensato una volta annunciati ben sei episodi extra? Ben, ovviamente non sono saltata dalla sedia. Ma eccoci qui, una settimana in anticipo, a parlare del ritorno di una delle serie più amate ed odiate di sempre. Alt, prima di inutile domande, su Fox andrà in onda il 1 Marzo. Quindi, non assillatemi. Vi ritroverete qui in quella data, come mio remainder. Probabilmente recensirò in anticipo tutte le puntate, perché il sito della AMC le sta caricando a casaccio, ma questo è un altro discorso.

Parliamo però dell’episodio, un episodio che mi ha piacevolmente sorpreso. Un episodio che potrebbe persino cancellare i miei orrendi ricordi sulla decima stagione. Preparatevi a un episodio pieno di feeling e gran colpi di scena. Premetto di non essermi spoilerata assolutamente nulla su questi sei episodi extra, quindi le mie aspettative erano pari a zero. Maggie, la mia dolce Maggie, è tornata on screen più che mai, pronta ad affrontare i demoni del passato. Dei demoni alquanto insidiosi, soprattutto per il faccia a faccia con Negan. Neagn è cambiato profondamente dalla morte di Glenn, si sta pian piano facendo amare da molti di noi, anche se alcuni lo tengono ancora in riserva. Per quanto mi riguarda, Negan è sempre tra i miei preferiti, nonostante mi abbia ucciso uno dei miei best personaggi.

Maggie ovviamente non è pronta a dimenticare, soprattutto per suo figlio. Un figlio che appena apparirà, vi scaturirà una serie di emozioni. Ma non è l’unica cosa che vedrete in questo episodio, perché ci verranno ufficialmente presentati i nuovi cattivi: I Mietitori. Sembrano personaggi alquanto pericolosi e poco noiosi, quindi spero mantengano delle grosse aspettative su di loro. La 10×17 di The Walking Dead, è la classica ‘premiere’ di ritorno per i più nostalgici come me. Approfondisce in modo furbo nuovi orizzonti, ma sonda anche vecchi terreni che ci sono rimasti nel cuore. Possiamo intravedere moltissimi parallelismi, ritornando ad approfondire il lato psicologico dei personaggi, che ci era tanto mancato! Insomma, le basi ci sono tutti per creare dei buoni episodi, che lasceranno poi spazio all’undicesima e ultima stagione di The Walking Dead. Fatemi sapere ovviamente cosa ne pensate, appuntamento alla prossima settimana!

Voto 9

Commenti disabilitati su The Walking Dead: Recensione 10×17: Home sweet home/Casa dolce casa