Cari lettori, non state sognando. Lo so, è passato moltissimo tempo. Moltissimo tempo dalle mie recensioni librose, nude e crude di realtà. Ho fatto giusto qualcosina su youtube, ma poi il nulla più cosmico. Ormai sono passati anni, anni in cui nel blog mi sono concentrata più sui telefilm. Ero caduta in un vortice nero, in cui non riuscivo più a uscire. Un blocco terribile, sofferto. Il blocco del lettore. Ma ultimamente, per mia fortuna, sto tornando più carica che mai, cercando di selezionare dei libri che non mi facciano annegare nuovamente. Ci saranno piccole sorprese nelle prossime settimane/mesi, ma oggi voglio concentrarmi su un libro alquanto inevitabile, soprattutto dopo il successo della serie su Netflix. Sto parlando di..

Titolo: Il duca e io. Serie Bridgerton (Vol. 1):

Autore: Julia Quinn

Edito da: Mondadori

Pagine: 341

Prezzo: 14,50€

Data d’uscita: 1 Settembre 2020

Trama: Londra, 1813. Simon Arthur Henry Fitzranulph Basset, nuovo duca di Hastings ed erede di uno dei titoli più antichi e prestigiosi d’Inghilterra, è uno scapolo assai desiderato. A dire il vero, è letteralmente perseguitato da schiere di madri dell’alta società che farebbero di tutto pur di combinare un buon matrimonio per le loro fanciulle in età da marito. E Simon, sempre alquanto riluttante, è in cima alla lista dei loro interessi. Anche la madre di Daphne Bridgerton è indaffaratissima e intende trovare il marito perfetto per la maggiore delle sue figlie femmine, che ha già debuttato in società da un paio d’anni e che rischia di rimanere – Dio non voglia! – zitella.

Assillati ciascuno a suo modo dalle ferree leggi del “mercato matrimoniale”, Daphne e Simon, vecchio amico di suo fratello Anthony, escogitano un piano: si fingeranno fidanzati e così saranno lasciati finalmente in pace. Ciò che non hanno messo in conto è che, ballo dopo ballo, conversazione dopo conversazione, ricordarsi che quanto li lega è solo finzione diventerà sempre più difficile. Quella che era iniziata come una recita sembra proprio trasformarsi in realtà. Una realtà tremendamente ricca di passione e coinvolgimento.

Puoi acquistarlo qui:

La Serie Bridgerton è così composta:

  1. Bridgerton – 1. Il duca e io
  2. Bridgerton – 2. Il visconte che mi amava
  3. Bridgerton – 3. La proposta di un gentiluomo
  4. Bridgerton – 4. Un uomo da conquistare
  5. Bridgerton – 5. A Sir Phillip con amore
  6. Bridgerton – 6. Amare un libertino
  7. Bridgerton – 7. Tutto in un bacio
  8. Bridgerton – 8. Il vero amore esiste

La mia recensione:

Quello che leggiamo tra le pagine di Julia Quinn, è un amore in crescendo. Un amore non semplice, ma certamente puro. Il duca e io ci trasporta letteralmente nel mondo della serie tv, non osando allo stesso livello nell’ambito sessuale, bensì affrontando l’amore tra Daphne e Simon in modo alquanto più delicato. Il libro ci offre quello che noi vediamo, in una scrittura leggera e piacevole. Anche tra le pagine, ritroviamo infatti quell’ironia che circondava la mente di Daphne. Una mente a volte diabolica, che non può far altro che incastrarsi perfettamente tra le gambe di Simon. I due sono come li immaginiamo nella nostra testa, perfetti quindi sullo schermo. Entrambi sono unici nel loro genere, riuscendoci a smorzare un sorriso tra una riga e l’altra.

A differenza della serie, il libro ci concede un panorama a tutto tondo dei nostri protagonisti. Ci offre una panoramica in primo piano, non concentrandosi troppo su quello che succede a corte. Infatti, è proprio questo il punto di forza del romanzo, che di per se è autoconclusivo. Ottima scelta quella della scrittrice, di riservare un piccolo mondo per ogni suo personaggio. Il risultato sarà sicuramente una serie che dovrà incastrare perfettamente i pezzi. Io al momento posso solamente parlarvi del primo libro, ma posso appunto parlarvene in modo piacevole, così come è la scrittura di Julia Quinn. Un romanzo perfetto in un pomeriggio di autunno, da cui non dovrete aspettarvi grandi cose, ma dovrete solo concedervi di amare.

Valutazione: ⭐⭐⭐⭐

Commenti disabilitati su Il duca e io. Serie Bridgerton (Vol. 1): Recensione