Grey’s Anatomy: Recensione 12×16: When It Hurts So Bad

Una puntata un pochino sottotono questa settimana, ma non mi è dispiaciuta affatto. Nessun caso speciale, nessun intervento importante.. ci sono solo loro, i nostri protagonisti, con i loro problemi sentimentali. Tutti si lasciano, nessuno è realmente felice.. Shonda è sempre pronta a regalarci il mai una gioia. Tuttavia, non mi mancano gli argomenti per parlare di questo episodio, a partire da Meredith. Come ben sapete, non sono ancora pronta a vederla con un uomo, tuttavia, pensavo di reagire in modo differente al bacio con Thorpe. Devo ammettere che non mi ha fatto così scalpore, ne tantomeno mi ha fatto esultare.

Meredith si butta a capofitto in una notte di passione, per poi rimpiangerla. Derek è un ricordo ancora troppo recente, ancora troppo vivo. Ho amato la sua versione casalinga, pronta a tutto pur di non pensare alla fantastica notte passata con Thorpe. E, diciamocelo, il ragazzo ha fatto un discorso che noi tutte sogniamo. Per lui, vale la pena aspettare per una come Meredith, non si arrenderà. Vi ricorda qualcosa? Non voglio mettervi la pulce nell’orecchio, quindi vi lascerò far le vostre conclusioni da soli. 

Passiamo ora a Callie. Non mi è piaciuta per niente in questo episodio. Sarò io, ma non la vedo serena con Penny. E’ vero, è sempre stata una donna impulsiva, ma con Penny non riesco proprio a guardarla. Nemmeno con Arizona, se è per questo. Ma la vecchia Callie, sempre allegra e pronta a scatenarsi.. io non  la vedo più. Forse è anche giusto che lei voglia stabilità. La donna per cui nutre questi sentimenti, deve essere al fianco di sua figlia. Solamente io non riesco a vedere il quadretto famigliare? Insomma, per quanto dovrò sorbirmi la coppia Penny/Callie? Sembra quasi che Shonda piace portar avanti le coppie che odio.

Amelia/Owen? Fine. DeLuca/Pierce? Fine. April/Jackson? Fine. Insomma, dammi un pochino una tregua, non è possibile. E di mio, non posso far a meno che focalizzarmi su Jackson/April, che non fanno altro che peggiorare. O meglio, appena intravediamo uno spiraglio di luce.. SBAM. La madre di Jackson rovina tutto. Non mi aspettavo assolutamente questo comportamento da Catherine, totalmente meschino!!! Spero di gran cuore, che Jackson non pensi neanche lontanamente di far causa ad April.. ma siamo seri? Capisco di non poter avere i Japril in due secondi, ma qui si sta seriamente sfiorando il ridicolo. Shonda, perché mi devi fare soffrire in questo modo? Cosa ti ho fatto di male? Ora come posso arrivare a settimana prossima? Io non lo so, credetemi.

Voto 7+

[banner]

Commenti disabilitati su Grey’s Anatomy: Recensione 12×16: When It Hurts So Bad