Game of Thrones: Recensione 8×01 (PREMIERE): Winterfell

Dopo due lunghi anni d’attesa, siamo finalmente tornati a Grande Inverno. Un inverno freddo, ma che riesce a scaldarci il cuore con delle reunion non indifferenti. Quanto è bello poter rivedere finalmente i nostri beniamini sul piccolo schermo, sopratutto se dopo pochi minuti riceviamo come una coltellata al cuore uno degli abbracci più attesi di sempre. Jon & Arya erano quelli che aspettavamo di più, ammettiamolo. Non c’è altro Stark che tenga. Arya ormai ben sappiamo quanto è cambiata, ma anche Jon è costretto a combattere con dei demoni che non pensava di dover affrontare.

Nemmeno il tempo di metterci comodi che a fine episodio ci sganciano l’ennesima bomba. Sam informa Jon delle sue vere origini e ora cosa comporterà tutto ciò? Non so nemmeno io per cosa sia più sconvolto. Per essersi scopato la zia? O per essere un Targaryen? Aspetto delucidazioni. Ad ogni modo può consolarsi avendo provato l’ebrezza di cavalcare un vero drago. Anche io vorrei avere tale fortuna, invece sono costretta a cavalcare il mio finto pony in camera mia (che non ho ndr). Jon & Dany (abbrevio che fa più figoh) ad ogni modo come ben ricorderete non mi piacciono per ‘vie ‘amorose, ma sono alquanto belli da vedere sullo schermo.

Parlando degli altri personaggi, Theon è tornato a salvare la sorella, ricevendo una fragorosa testata (e ben gli sta), ma resta comunque il più grande codardo di sempre. Almeno ha deciso di tornare a combattere per gli Stark, vedremo se riuscirà a farsi perdonare in qualche modo. ‘Cersei come sei’  (come solo io posso chiamarla) assapora intanto il suo vino, complottando i suoi soliti piani malefici. Come minimo, farà credere al figlio che porta in grembo, che il vero padre non è il mio Jaime. Jaime che è arrivato anche lui a Grande Inverno, dove finalmente si riscatterà? Jaimeeee, lo so che in realtà sei il mio figliolo prezioso, non deludermi. Anche lui dovrà però affrontare Bran, dopo averlo buttato giù dalla famigerata torre. Come ben sappiamo Jaime è cambiato moltissimo da quel giorno, ma anche Bran dovrebbe saperlo. Incrociamo le dita.

La premiere della ottava stagione è stata sicuramente un vortice di emozioni. Hanno messo subito un sacco di carne sul fuoco, facendomi desiderare di scoprirne sempre di più. Penso che nessuno di noi sia realmente pronto a salutare Game of Thrones quest’anno. Pochissimi episodi ci separano dal finale di una delle serie più amate dello schermo. Non so bene come sentirmi a riguardo. Chi mi conosce bene, sa chi vorrei sul trono dei miei sogni. Ma se ve lo svelo come minimo mi linciate fino all’anno prossimo, quindi ho deciso di fare il voto del silenzio. Dai, vi do un piccolo indizio con la gif qui a lato. Non riesco mai a nascondervi nulla! Vi lascio anche con la mia unpopular opinion di una a casaccio che non ho per niente nominato. Sansa forse? Beh, non la riesco più a sopportare, perdonatemi. Continua a voler fare la so tutto io della situazione e ha iniziato a tirarsela un po’ troppo. Quindi non fateci caso se non la calcolo minimamente. Detto ciò, spero di riuscire di tornare con la recensione della 8×02 lunedì prossimo, lavoro permettendo. Non dimenticatevi di regalarmi un drago il mese prossimo, per il compleanno. Aspetto impaziente, so che non mi deluderete.

Voto 10

Commenti disabilitati su Game of Thrones: Recensione 8×01 (PREMIERE): Winterfell