Game of Thrones: Recensione 5×10 (SEASON FINALE): Mother’s Mercy

Game of Thrones: Recensione 5×10 (SEASON FINALE): Mother’s Mercy

Ed eccoci arrivati (decisamente troppo in fretta) all’ultima recensione dell’anno di Game of Thrones, nonché all’ultimo episodio della quinta stagione. Se le ultime 2 puntate erano state adrenaliniche e piene di colpi di scena, ovviamente quest’ultima non poteva essere da meno! L’ultima pecca a mio parere è che hanno lasciato veramente troppe cose in sospeso, non c’è mezzo personaggio il cui destino sia chiaro…a parte ovviamente per chi è morto.

Ma procediamo con ordine: la puntata si apre con Stannis (il nostro amato Stannis), che dopo aver barbaramente fatto mandare al rogo sua figlia come “sacrificio” al “Dio della Luce” (troppe porcate per una frase sola, non ce la posso fare) si ritrova con mezzo esercito che ha disertato; beh che dire, ben ti sta! Chi mai seguirebbe un leader che manda a morire la propria figlia per vincere una battaglia?! I tuoi ideali che fine hanno fatto? E dopo questa bella mazzata comunque ne arriva un’altra: sua moglie si è impiccata. Ben ti sta – n. 2! Supongo che la donna si sia sentita talmente in colpa per la morte di Shireen da essere arrivata a suicidarsi…che dire, almeno un genitore sano allora c’era, e non era quello che credevamo noi! Comunque il “sacrificio” a quanto pare ha anche funzionato perché la neve ha iniziato a sciogliersi, ma Melisandre nel frattempo quatta quatta se l’è data a gambe come i disertori! No ma, “ho visto lo stemma dei Bolton bruciare”…si certo! Vai a giocare su un dirupo Melisandre, vai. Comunque non è che sia sparita, la ritroveremo a fine puntata…

In ogni caso Stannis non si dà per vinto, ormai è lì e decide di marciare su Grande Inverno (Davos ovviamente è ancora in missione quindi facciamo senza di lui, tanto è solo il suo braccio destro), ma prima ancora che possano decidere una qualche strategia l’esercito dei Bolton parte all’attacco…e le sorti della battaglia sono già certe in partenza, non c’è paragone fra i 2 eserciti! A fine battaglia ritroviamo uno Stannis acciaccato e stanco in mezzo ai boschi, e in quello arriva Brienne per dargli il colpo di grazia: vai Brienne! Massacralo! Anche se in realtà non si è visto che lei lo uccideva, quindi…lo avrà giustiziato davvero? Ecco, questa è la prima cosa lasciata in sospeso…io spero sia morto, ma finché non vedo non credo.

E in tutto ciò, Brienne se ne è andata proprio quando Sansa è riuscita ad andare ad accendere la maledettissima candela nella maledettissima torre! La fortuna è sempre dalla tua parte Sansa! Comunque, ormai la nostra amata Stark è scappata dalla sua stanza, e credo che voglia anche scappare da Grande Inverno durante la battaglia contro Stannis…non mi è chiaro! Sta di fatto che mentre vaga senza meta incrocia Theon e Myranda, e quest’ultima la minaccia con arco e freccia. Non mi dilungherò più di tanto su questa scena, sta di fatto che Theon salva Sansa uccidendo Myranda e poi entrambi si buttano giù da un muro ti tipo 50 metri del castello…nessuno gli ha spiegato che non è come nei cartoni animati e che quando cadi nella neve non è come se fosse un materasso??? Vabbè. Sta di fatto che si buttano e…boh. Fine della scena. Non si sa più niente di Sansa, Theon e Ramsey. No ma grazie! E questa è la seconda cosa lasciata in sospeso.

Ma procediamo e spostiamoci a Braavos, dove Arya riesce finalmente a uccidere Meryn Trant! È stata una bella uccisione, devo ammetterlo, non fosse che quando torna al tempio diventa cieca…WTF?????????????????????? E qui abbiamo la terza storia in sospeso: cieca? Ma perché? Ma la riacquisterà la vista? Odio non sapere le cose!

Se poi procediamo verso Meereen troviamo tutti con le mani in mano in attesa di Daenerys…che non si sa che fine abbia fatto dopo essere sparita col suo drago! In effetti l’uscita di scena della scorsa puntata era stata epica, ma adesso? Daario e Jorah “mai una gioia” decidono di andare a cercarla e lasciano Tyrion, Missandei e Verme Grigio a capo della città. Mah! Una piccola gioia, è arrivato anche Varys!!! Si, lo ammetto, lo odiavo durante le prime stagioni, ma ora lo adoro, non vogliatemene! Tornando a Daenerys, la nostra Khaleesi è….non si sa dove. Sul serio, non saprei dire dove l’ha portata Drogon perché è circondata da prati tipici irlandesi (non sto scherzando) e a un certo punto viene accerchiata da un numero spropositato di uomini a cavallo; ma che caz…??? Anche qui, ripeto, la storia viene lasciata in sospeso. Non sappiamo cosa succede a Meereen e tantomeno sappiamo che fine ha fatto Daenerys. Ottimo.

Procediamo poi con Cersei: aaaaaaaah, quanto ho adorato la “walk of shame” di Cersei! Te la sei meritata tutta, bagascia! Metti a capo una setta religiosa, guarda che bel lavoro che hai fatto! Poi il contorno di donna col campanaccio che continua a urlare “shame” è stata una cosa sublime. Comunque finalmente Cersei riesce a tornare alla Fortezza Rossa, dove un nuovo cavaliere la prende fra le braccia…ora, forse mi faccio troppi filmini in testa, ma secondo me è la Montagna che è stato curato dal nuovo guaritore di Cersei che faceva esperimenti strani nel suo studio (non so se vi ricordate la scena durante questa stagione, era abbastanza inquietante). Solo io l’ho pensato? Ditemi che non sono solo io a fare certe ipotesi strampalate! Comunque, a parte questa parentesi, anche qui non sappiamo altro: cosa farà ora Cersei? Tommen che fine ha fatto? Margaery e Loras Tyrell sono ancora in prigione? E Olenna e Ditocorto? Aaaaah! Vi odio tutti.

Dulcis in fundo, arriviamo alla scena finale. Mi si spezza il cuore, vorrei proprio cancellarla dalla mente ma ormai è andata quindi…

Siamo al Castello Nero, Davos sta chiedendo a Jon rinforzi per la battaglia e arriva Melisandre a comunicare le buone nuove (sarcasmo mode on), e Sam invece parte per la Cittadella perché vuole diventare un Maestro, come lo era Aemon per intenderci. Così Jon rimane solo, e durante la notte i suoi confratelli gli tendono un agguato e lo uccidono. Si, avete capito bene, Jon Snow è ufficialmente morto, e a dargli il colpo di grazia è stato proprio Olly, il suo pupillo. Io non ce la posso fare, cioè tutti i personaggi potevate togliermi, ma non lui!!! Penso che siamo ai livelli delle Nozze Rosse in quanto a cuore strappato, per quanto mi riguarda! Ora, so che l’attore ha già comunicato che nella prossima stagione non ci sarà, ma la mia mente non può fare a meno di ipotizzare cose assurde come prima: e se Melisandre lo riportasse in vita? Io sono una grande sostenitrice della teoria R+L=J ( se non ne avete ancora sentito parlare cercate su Google, trovate una miriade di articoli a riguardo), quindi Jon NON può essere morto! Mi rifiuto categoricamente di credere che la sua vita sia finita lì e così. C’è anche chi crede che possa essere entrare nel corpo di Spettro, il suo Metalupo, ma io preferisco pensare che Melisandre ci metta lo zampino, se no perché farla andare alla Barriera a fine puntata? Solo per farle avvertire Davos?

Insomma, stavo quasi dimenticando che in tutto ciò è anche morta Myrcella (morte alquanto prevedibile) fra le braccia di suo zio…ehm…padre, Jaimie. Si lo so, non ho spiegato bene come sono andate le cose, ma ovviamente è stata opera delle Serpi delle Sabbie e bla bla bla…le odio, personaggi inutili. Onestamente spero che non siano personaggi principali anche nella prossima stagione, la parte di Dorne in questa quinta stagione è stata alquanto noiosa.

E con questo piccolo appunto si chiude anche per quest’anno Game of Thrones. Jon Snow è morto e con lui anche parte di me! (si sono esagerata, ma devo ancora assorbire la cosa, forse fra 10 mesi andrà meglio)- Ci rivediamo nel 2016 con la sesta stagione! Valar Morghulis!

Recensione a cura di Anna Nicoli