Fear the Walking Dead: Recensione 2×02: We All Fall Down

Rispetto a settimana scorsa, Fear The Walking Dead è tornato con una puntata un pochino più fiacca, ben al di sotto della premiere. L’ambiente apocalittico tuttavia, è alquanto interessante. Dopo aver navigato per oltreoceano, i nostri sopravvissuti approdano su un’isola deserta, per nascondersi da un’altra nave. Strand rimane a bordo insieme a Daniel, facendoci ben capire di nascondere qualcosa. Assistiamo infatti, ad una chiamata misteriosa, cosa starà complottando il nostro capitano? E perché vuole a tutti i costi i nostri protagonisti con sé sulla barca, ma non vuole accogliere nuove persone? Non c’è dato saperlo.

Madison e gli altri intanto, indagano sugli abitanti della baia, trovando così gli unici sopravvissuti della zona. Si tratta di George e la sua famiglia, un gruppo apparentemente normale, ma che in realtà nasconde qualcosa di preoccupante. In primo luogo, Chris conosce il figlio maggiore di George, Seth, il quale gli insegna ad uccidere gli zombie. Travis ovviamente, non è contento dell’improvvisa sete di vendetta del figlio, preoccupandosi sempre per la sua umanità. Pian piano l’apocalisse farà certamente vacillare qualcuno, aggravando pian piano tutti i componenti del gruppo.

In secondo luogo, abbiamo la rassegnazione di George. Nonostante tenga a bada la recinzione vicino alla spiaggia, che mi ha un po’ rimandato alla prigione della serie madre, è ben convinto di non avere molto tempo a disposizione. Lui e la moglie vogliono morire da soli, abbracciati dalle persone che amano. Per loro ormai il mondo è finito e, a quanto pare, San Diego non è un porto sicuro. L’apocalisse sembra raggiungere le più grandi metropoli, portando così il panico anche nel nulla più assoluto. Non che questa sia la famiglia più intelligente del mondo, considerando aspettano la loro morte con a disposizione: cibo, acqua ed elettricità! Spiegalo ai nostri protagonisti della serie madre, poi ne riparliamo.

A quanto pare però, solamente Strand è apparentemente tranquillo. Sembra abbia un piano specifico nella sua testa, che lo porterà alla salvezza. Madison e la sua famiglia invece, continua a vivere nell’incertezza. Ha sete di salvare chiunque si trovi sul loro cammino ma, ancora una volta, la specie umana è più pericolosa degli zombie. Basti vedere Seth, pronto a sparare a tutti quanti pur di non seguire i nostri protagonisti verso un porto sicuro. Quando capiranno che non devono guardare in faccia a nessuno? E’ una lotta, ognuno pensa per sé! Non gli è bastata la morte di Liz per aprire gli occhi? A quanto pare no! Vedremo cosa ci aspetterà settimana prossima, sperando di apprendere qualcosa in più sulle intenzioni losche dell’enigmatico Strand.

Voto 6.5

[banner]
Commenti disabilitati su Fear the Walking Dead: Recensione 2×02: We All Fall Down