La mia curiosità non ha resistito nemmeno a Cursed, una serie sbarcata su Netflix il 17 luglio. Una serie fantasy, come se ne vedevano da tempo e che riguarda una storia molto conosciuta. Insomma, come non si potrebbe essere affascinati da Re Artù e i cavalieri della tavola rotonda?

Gli adattamenti a questa celebre opera non mancano di certo, tuttavia ogni interpretazione è sicuramente fonte di curiosità per ognuno di noi. Cursed non segue sicuramente l’opera originale, anzi, ne fa una nuova interpretazione con dei personaggi che convincono ma non del tutto.

Le interpretazioni vincenti sono quelle di Merlino e il Monaco Piangente, entrambe perfette e che trainano completamente la serie. Nimue invece, interpretata da Katherine Langford, non convince. Le scene di lotta non sono sicuramente il suo genere e la sua interpretazione lascia ancora a desiderare. Tuttavia il resto del cast riesce a fare un buon lavoro, regalandoci qualche tema magico su cui riflettere. La trama è certamente buona e incuriosisce puntata dopo puntata, con l’unico difetto di non approfondire quello che si dovrebbe.

Cursed non può fare a meno di ricadere in qualche schematica da teen drama, mantenendo comunque alto il genere fantasy. Ancora troppi i dubbi che celano alcuni personaggi e la curiosità è sicuramente alle stelle! Tuttavia si spera in un lungo approfondimento nelle stagioni successive (se ci saranno). Nonostante non conservassi grosse aspettative su questa serie, è riuscita a colpirmi appieno grazie anche ai panorami mozzafiato e alla sua fotografia fantastica. Alcuni personaggi vi entreranno sicuramente nel cuore e non mancherà qualche scena strappalacrime. Non possono mancare paragoni con altre celebri serie fantasy come Il trono di Spade e company! Il mio consiglio è di mantenere le aspettative ben separate tra di loro.

Insomma, in questi dieci episodi sono rimasta piacevolmente sorpresa da Cursed e vi consiglio di dargli una chance. Non fate l’errore di ripercorrere l’opera originale, altrimenti ne resterete completamente delusi. Immaginate Cursed come una ispirazione a una delle celebri opere più conosciute. Se amate la magia e i suoi simili non potrete che rimanerne estasiati. Spero ovviamente in una seconda stagione, sopratutto dopo il finale e il ritmo che riesce a raggiungere negli ultimi episodi. Visivamente non è perfetta e presenta qualche lacuna in svariati punti, sono fiduciosa che però venga colmata nel tempo.

Voto 8

Commenti disabilitati su Cursed (Netflix): Recensione