Scorpion: Recensione 1×09: Rogue Element

Scorpion_TV_Series1-e1411753950935

Scorpion: Recensione 1×09: Rogue Element

La recensione:

Quella della scorsa volta è stata solo una battuta d’arresto a quanto pare, Scorpion con questa puntata è tornato in pista più agguerrito che mai! La puntata si apre con una barca con due tizi a bordo che esplode e l’ex moglie di Cabe che lo chiama perché si trova nei guai: si, avete capito bene, Cabe ha una ex moglie, ed è anche cazzutissima!

Insomma si viene a sapere che il motivo per cui la sua ex moglie è nei guai è collegato a questa barca che è esplosa, così il team si mette a indagare, ma questa volta ha un osso duro come avversario e vengono braccati di brutto! Perfino il loro quartier generale viene messo a soqquadro! Ovviamente le corse in auto non possono mancare e alla fine Cabe riesce a salvare la sua ex (che nel frattempo è anche stata rapita sotto il loro naso) e tutto si risolve per il meglio. Questa puntata comunque più che per le indagini mi ha colpito proprio perché ci ha fatto scoprire un lato dell’agente Gallo che non ci aspettavamo: è un sentimentale! Non è solo un agente tutto d’un pezzo come vorrebbe far credere, e la sua ex moglie ha finalmente svelato questo suo lato nascosto, rivelando anche che avevano una figlia che è morta. Particolarmente toccante è stata anche la scena in cui si spostano una “casa sicura”, che si scopre essere la vecchia casa di Cabe e della sua ex moglie e che lui non è ancora riuscito a rivendere per via dei ricordi.

Unica pecca resta la storia del figlio di Paige che cerca di riallacciare i rapporti col padre: è un personaggio che non mi piace per niente, e anche tutta questa storia di contorno è abbastanza noiosa…insomma, vogliamo Paige e Walter assieme, punto e basta. Per il resto la puntata è trascorsa velocemente, ci sono stati colpi di scena e adrenalina…insomma, tutto quello a cui Scorpion ci ha abituati finora! Peccato solo per Sylvester che non si è quasi mai visto nel corso della puntata poverino!

Voto: 7.5

Recensione a cura di Anna Nicoli