Recensioni: “Io e te oltre le stelle” & “Brilleremo tra un milione di soli” di Beth Revis

Cari lettori, oggi per voi una doppia recensione! Trattandosi dei primi due libri di una trilogia, avevo in mente inizialmente una recensione unica. Alla fine ho deciso di parlarvene separatamente, ma comunque nello stesso post. L’argomento di oggi è la fantascienza, quindi se siete affascinati dalle stelle e dallo spazio non potete lasciarvi sfuggire questa lettura. Ringrazio ovviamente la splendida Piemme, per avermi mandato le copie cartacee dei romanzi.

io-e-te-oltre-le-stelle-le-tazzine-di-yokoTitolo: Io e te oltre le stelle

Autore: Beth Revis

Edito da: Piemme

Pagine: 420

Prezzo: 14,90€

Data d’uscita: 7 Luglio 2015

Trama: Amy è una passeggera della nave spaziale Godspeed. Ha lasciato il suo ragazzo e gli amici sulla Terra, perché ormai il pianeta non ha più speranza, e sta viaggiando con i suoi genitori congelata in una bara di vetro. Si risveglieranno tra trecento anni, quando la nave arriverà su Terra-Centauri. Niente, però, va come previsto: qualcuno, nel tentativo di ucciderla, la risveglia dal suo sonno di ghiaccio cinquant’anni prima del previsto. Amy si ritrova così a vivere secondo regole completamente diverse, su un’enorme nave in viaggio tra le stelle, in balia di sconosciuti tra cui si nasconde un assassino. L’unico che sembra aiutarla è Elder, il futuro capitano della Godspeed. Lui è potentemente attratto dalla singolare bellezza di Amy, che ha lunghi capelli rossi e la pelle bianchissima, così diversi da chi ha conosciuto fino a quel momento nella sua casa in viaggio nello spazio.  Il ragazzo cerca di proteggere Amy, ma Amy può davvero fidarsi di lui? E quello che i due ragazzi provano l’uno per l’altra può aiutarli a capire cosa sta succedendo sulla nave o rischia di metterli ancora più in pericolo?

Puoi acquistarlo qui:

Brilleremo-tra-un-milione-di-soli-le-tazzine-di-yokoTitolo: Brilleremo tra un milione di soli

Autore: Beth Revis

Edito da: Piemme

Pagine: 384

Prezzo: 18,50€

Data d’uscita: 7 Luglio 2015

Trama: Sono passati tre mesi da quando Amy è stata risvegliata dal suo sonno di ghiaccio: ormai sta dimenticando com’era vivere sulla Terra e ovunque guardi vede solo le pareti di metallo della nave spaziale Godspeed. Ma forse c’è una speranza: adesso è Elder ad avere il potere. Il ragazzo che ormai ha imparato a conoscere, di cui si fida e per cui non può negare di provare una forte attrazione. Ed Elder è un capo molto diverso dai precedenti: non vuole più mentire agli abitanti della nave. Ci sono ancora molte verità, però, che lui per primo non conosce e che aspettano di essere dette: quanto manca davvero prima di atterrare su Terra-Centauri? E cosa è successo durante l’Epidemia che ha decimato gli abitanti della nave? Elder e Amy dovranno scoprire insieme il segreto che si nasconde tra le pareti della Godspeed. Mentre a ogni passo rischiano di accendersi focolai di rivolta sulla nave e anche se il loro amore rischia di distrarli dai pericoli che li circondano…

Puoi acquistarlo qui:

La saga di Across the Universe è composta da:

0.6 Love Is A Choice

1. Across the Universe

2. A Million Suns

2.5 As They Slip Away

3. Shades of Earth

La mia recensione di “Io e te oltre le stelle”:

Non sono un amante della fantascienza, tuttavia la saga di Across the Universe mi ha sempre attirato come un magnete. Le stelle, lo spazio, le navi affascinanti e piene d’insidie.. insomma, un mondo da scoprire. Non che questo libro si sia rivelato poi una storia indimenticabile, ma nemmeno qualcosa di così insulso. L’inizio è lento e poco entusiasmante, soprattutto per il privo di romance. Sicuramente, vista la copertina del libro (sia originale, che italiana), si potrebbe pensare a una storia d’amore. Beh, mi spiace deludervi, ma in questo libro non esiste. Se siete abituati ai libri distopici con questo schema, toglietevelo dalla mente in Across the universe. In realtà, c’è qualcosa di velato dietro alle righe, che spero si approfondisca man mano nei libri seguenti. L’ambientazione e i colpi di scena tuttavia, invogliano la lettura, affascinando pian piano il lettore lungo le pagine. Un nuovo pianeta è pronto ad accogliere la vita umana, pronto a sfruttare le potenzialità e conoscenze dei terrestri, ma la Godspeed (la nave spaziale) riuscirà ad arrivare in tempo?

Sulla Godspeed non regna di certo pace e amore, anche se i suoi abitanti sembrano non curarsene. Un grande mistero si nasconde tra le regole dell’indiscusso leader, Eldest, ma verrà ben presto messo allo scoperto. E’ certamente questo il punto focale della storia, nonché l’arma vincente che lo rende così affascinante. Beth Revis calibra bene i due punti di vista nella narrazione, facendoli avvicinare sempre di più lungo la storia. Amy & Elder sono più uniti di quanto possa sembrare. Entrambi hanno bisogno di avere qualcuno al loro fianco, anche se per scopi diversi. Amy è costretta a separarsi dai genitori, è costretta a risvegliarsi cinquant’anni prima del dovuto, vivendo giorno per giorno in uno spazio che non sembra quello che è. E’ proprio la sua forza di volontà a mettere in guardia Elder, facendogli acquistare sicurezza nel suo ruolo di leder. In generale tuttavia, i personaggi che abitano la Godspeed non godono di grande personalità. L’unico degno di nota è Harley, che nonostante sia un personaggio secondario, da una grande svolta e commozione alla storia.

<< Lei si morde il labbro e, anche se continua a guardarmi, il suo sguardo si perde nel vuoto. Le sue mani stringono il bordo del tavolo e sembra quasi che abbia paura che voglia trascinarla via da questo luogo freddo e buio contro la sua volontà. Non è difficile indovinare il perchè. Vuole restare vicina ai suoi genitori. I suoi occhi si spostano verso destra, verso il punto dove è corso via Harley. Vuole vedere le stelle anche lei. Mi sento avvilito. Come posso competere con le stelle? Poi i suoi occhi si posano nuovamente su di me e sorride.>> Da Io e te oltre le stelle.

Across the Universe è un romanzo che mi ha convinta a metà. Da una parte sono rimasta affascinatissima dagli schemi e misteri della nave, mentre dall’altra sono rimasta delusa per la scarsità di romance e spessore dei vari individui. Non vi resta che leggerlo per scoprire se fa per voi!

Tra poche righe vi parlerò del secondo libro della saga, che ho letto subito di aver scritto questa recensione. 

La mia recensione di “Brilleremo tra un milione di soli”:

Le sensazioni che ho provato a leggere questo libro, sono molto simili a quelle del primo. Sebbene la situazione sia mutata ulteriormente, l’ambientazione e il mistero sono sempre onnipresenti in modo statico. Non nascondo che questo sia comunque il punto di forza del libro, in quanto gli dà una sfaccettatura tra il thriller e la fantascienza. Amy e Elder continuano ad essere due personaggi forti, leali tra di loro, ma comunque responsabili. Amy è nostalgica. Le mancano i suoi genitori, il suo pianeta d’origine e le situazioni amorose così semplici e naturali. Sulla nave vive invece una vita obbligata, in quanto si sente costretta a  relazionarsi con le persone. Elder è come sempre attratto da Amy, portando così più romance in questo secondo romanzo. Ancora siamo lontani dal romance calcato e idilliaco, ma i piccoli momenti tra i due non si fanno mancare. In genere non amo la narrazione di Beth Revis, potrebbe benissimo dimezzare ogni suo libro. Le vicende sulla Godspeed sono quasi un Déjà vu continuo, che a lungo andare mi hanno un po’ stufata. Questo per quanto riguarda, come per il primo libro, la parte iniziale. La seconda parte invece procede più veloce, mostrando così al lettore i vari colpi di scena.

<<Le sue labbra si incollano furiose alle mie e quando dischiudo la bocca per la sorpresa, il bacio si fa più profondo. Le sue braccia sono forti: solleva tutta la parte superiore del mio corpo contro di lui. E’ il suo corpo a parlare per lui: ha bisogno di me.>> Da Brilleremo tra un milione di soli.

Brilleremo tra un milione di soli è un libro semplice e pieno di mistero. A differenza di Io e te oltre le stelle mi ha sinceramente coinvolta di meno, forse perché mi aspettavo qualche svolta più interessante. In genere, sopratutto nelle trilogie, il libro d’intermezzo è quello che mi lascia sempre indifferente. E’ il libro che da il lancio al finale, quello che appena finisci rimani completamente interdetto. Questo perché proprio nel finale di Brilleremo tra un milione di soli la situazione cambia, mentre nei primi due romanzi rimane abbastanza statica e ridondante. Non posso che riporre le mie ultime vane speranze sull’ultimo libro della saga, che potrebbe far cambiare completamente facciata a questa saga. Non posso ritenermi un’esperta di libri fantascientifici, in generale ne ho letti pochi, perché non sono il mio genere prediletto. Però qualche volta possono sorprendere, qualche volta possono entusiasmare e altre lasciarci indifferenti. Per quanto mi riguarda, con la saga di Across the Universe, ho vissuto proprio quest’ultima sensazione. Questo non mi ferma comunque a consigliarvelo, perché come sapete ogni parere è soggettivo. Quindi, se volete anche voi godervi le stelle, quelle vere, salite a bordo della Godspeed.

I commenti sono chiusi.