Recensione: “Uno splendido sbaglio” di Jamie McGuire

Cari miei lettori, stasera sono qui per parlarvi di un romanzo attesissimo. Chi di voi non conosce i fratelli Maddox? Come potevo lasciarmi sfuggire l’occasione di immergermi nuovamente nella scrittura di Jamie McGuire? Ebbene, eccomi qui per dirvi la mia su una nuova incasinatissima storia (come spesso accade in quella famiglia) di sexy e interessantissimi fratelli. Ringrazio di cuore la Garzanti per avermi inviato la copia cartacea del romanzo, d’altronde quando un Maddox s’innamora.. è per sempre.

10701961_688413351254614_3986099120601932972_nTitolo: Uno splendido sbaglio

Autore: Jamie McGuire

Edito da: Garzanti

Pagine: 380

Prezzo: 16,40 €  

Data d’uscita: 6 Novembre 2014 

Trama: Agli occhi di tutti Cami è forte e indipendente. Al secondo anno all’Eastern University vive sola e si paga gli studi facendo la barista al The Red Door. Ma dietro quell’aria da ragazza determinata e testarda nasconde tutte le sue insicurezze. Perché Cami è dovuta crescere in fretta, circondata da cinque possessivi fratelli e da un padre che non ha mai approvato nessuna sua scelta. Trent Maddox fa il tatuatore e sa come mettersi sempre nei guai. Se nasce una rissa spesso l’ha cominciata e se c’è un cuore spezzato è lui il ragazzo per cui si spendono tante lacrime. Qualcosa nel suo passato gli ha lasciato ferite profonde mai rimarginate e ha deciso di chiudere il mondo fuori. Nel suo caso vale un solo avvertimento: stargli alla larga. Cami conosce bene le sue conquiste e bravate, ed è attenta a mantenersi sempre a distanza di sicurezza. Perché il fuoco è caldo e accogliente, ma quando ci si avvicina troppo si rischia di bruciarsi. Fino alla sera in cui si incontrano per caso e Trent le offre da bere. Senza un secondo fine, vuole solo esserle amico. Cami non ci crede e avverte subito il pericolo, non ha intenzione di farsi travolgere da lui come fanno tutte le altre. Non si può essere solo amiche di un ragazzo come Trent. Eppure standogli accanto, giorno dopo giorno, scopre che il marchio Maddox di spavalderia e arroganza è solo uno scudo per non soffrire. Uno scudo che nasconde un’inaspettata dolcezza. E provare a stare lontano da Trent diventa sempre più necessario, ma impossibile. Impossibile resistere ai suoi sguardi, a quegli occhi che sembrano aver scoperto le sue fragilità e vogliono solo proteggerla. Fino a quando Trent confessa di volere qualcosa più dell’amicizia. E come dice suo fratello Travis, se un Maddox si innamora è per sempre. Così è stato per lui e la sua Abby. Ma Cami non può permettere che questo accada. Sarebbe un grosso, imperdonabile sbaglio. Perché c’è una verità che Trent non conosce e lei deve fare di tutto affinché non la conosca mai.

La mia recensione:

Trenton Maddox, chi se lo ricorda? Beh, io sì. Ho una certa calamita per chi ha come iniziale una T, quindi come dimenticarlo? All’idea di una nuova storia della McGuire ero al settimo cielo, però sapevo perfettamente quanto sarebbe stato difficile replicare le emozioni che mi sono sbocciate in “Uno splendido disastro”.

L’autrice ha ricreato un mondo piacevole da scoprire, dettato da insidie e segreti.. avevamo dubbi? Non può mancare il saccente umorismo dei Maddox, così come non può mancare una storia che scaldi il cuore. Cosa manca però in questo libro? Beh, io non posso dirvi molto per evitarvi spoiler indesiderati, ma quello che posso ahimè confessare è la mia capacità d’intuito. Quando si tratta di segreti da svelare, io cerco tutti i dettagli possibili nel romanzo e ci arrivo sempre troppo prematuramente, così com’è infatti accaduto questa volta. Ho capito fin da subito il finale che mi aspettava, ma non per questo posso condannare un’opera ben scritta e passionale.. anzi! Cami e Trenton sono una coppia che coinvolge, che fa sorridere, ma troppo affrettata.

<<Trenton aveva scoperto che cosa stavo per fare, si era precipitato all’aeroporto e mi aveva supplicato di restare. Se fossi stata io dall’altra parte della barriera di sicurezza, lo avrei perdonato? All’idea che fosse tornato a casa da solo, abbandonato, mi si riempirono gli occhi di lacrime. Lì, nell’appartamento perfetto di un uomo perfetto, mi avvolsi più strettamente nelle lenzuola e singhiozzai, il cuore colmo di nostalgia per il tatuatore che mi ero lasciata alle spalle. Avevo trascorso l’intera infanzia aspettando il primo istante di libertà: quasi tutti i giorni dei miei primi diciotto anni erano passati attendendo domani. Ma adesso, per la prima volta nella mia vita, sarei voluta tornare indietro nel tempo.>>

Per spiegarmi meglio devo per forza citarvi Travis ed Abby. Insomma, quei due sono un guaio dietro l’altro. Ti struggi per loro e t’innamori come loro: senza rendertene conto. Cami e Trenton hanno invece un percorso differente, tant’è che già dopo un centinaio di pagine il nostro big brother grida amore da tutti i pori! Insomma, frena un attimo e riavvolgi il nastro. Mi sarebbe piaciuta una storia più calma e approfondita, invece i fatti si svolgevano a raffica uno dietro l’altro. Ahimè alla fine il mio lato romantico è balzato come sempre in primo piano, facendomi infine appassionare a questi due strampalati. Ho apprezzato soprattutto i riferimenti a Travis ed Abby, anche se ogni volta che leggevo il loro nome mi veniva voglia di chiudere il libro e correre a rileggere “Uno splendido disastro”. Sono un caso disperato, non è vero? La McGuire mi offre sempre mondi bellissimi e divertenti da scoprire, però quando si tratta di Maddox non ci si può tirare indietro. Quindi, come non posso non consigliarvi questo libro? Io l’ho divorato in quattro ore senza metterlo giù un momento! Se volete di nuovo ripensare ai nostri protagonisti originari e tuffarvi nuovamente in un Maddox, qual è il miglior modo per farlo se non questo?

Valutazione:

★★★★

I commenti sono chiusi.