Recensione: “Una valigia piena di sogni” di Paullina Simons

L’estate sta arrivando, insieme a tante uscite librose interessanti! Oggi infatti parliamo di un’autrice che mi sta particolarmente a cuore: Paullina Simons, la favolosa autrice de Il cavaliere d’inverno. Inviatomi gentilmente dalla HarperCollins, che ringrazio infinitamente, scopriamo insieme cosa ne penso di questa nuova lettura..

51ySxPbJPOL._SX297_BO1,204,203,200_Titolo: Una valigia piena di sogni

Autore: Paullina Simons

Edito da: HarperCollins Italia

Pagine: 

Prezzo: 14,90€

Data d’uscita: 12 Maggio 2016

Trama: Chloe e Mason, Hannah e Blake. Due coppie, due fratelli, due migliori amiche. Il viaggio dopo il diploma è l’occasione a lungo sognata per vivere una nuova avventura insieme prima che le loro vite prendano strade diverse. La meta è Barcellona, ma prima devono fare tappa in alcune città dell’Europa dell’Est per onorare una promessa di famiglia. E qui, tra i tesori di una terra che muove i primi timidi passi dopo il crollo dei regimi comunisti, Chloe incontra Johnny Rainbow, un misterioso ragazzo americano che gira il mondo con la chitarra sulle spalle, un sorriso sulle labbra e un oceano di segreti negli occhi. Con lui i quattro amici attraversano in treno il vecchio mondo, da Carnikava a Treblinka, da Cracovia a Trieste, in un viaggio indimenticabile che li porta nel cuore dell’Europa e nell’oscuro passato di Johnny… Un viaggio che rischia di far saltare i progetti di Chloe per il futuro, che la costringe a mettere in discussione tutto ciò che era convinta di volere, che spoglia di ogni falsità il suo legame con gli amici di una vita finché non le rimane che un’unica certezza: comunque vada a finire, dopo questo viaggio le loro vite non saranno più le stesse.

Puoi acquistarlo qui:

La mia recensione:

Paullina Simons mi ha abituato fin troppo bene con la lettura de ‘Il cavaliere d’inverno’, ed è forse proprio questo il motivo per cui non sono riuscita a godermi appieno questa lettura. Una valigia piena di sogni pone uno schema del tutto nuovo, un’autrice rinnovata, che questa volta non è riuscita ad arrivarmi al cuore. La narrazione è lenta, sopratutto nelle prime pagine e ci racconta il percorso di Chloe. Il suo scopo nella vita? Fare un viaggio, raggiungere una meta: Barcellona. Un’avventura che potrebbe condividere solamente con la sua migliore amica e il suo ragazzo. Ma nulla andrà come previsto, perché il suo sogno potrebbe riservare delle sorprese alquanto sgradite. Chloe per le prime massacranti trecento pagine del romanzo, ci illustra uno schema abbastanza ripetitivo, che non riesce a far avanzare di molto la storyline dei personaggi, fin quando non arriva Johnny. Lui romperà la schematica di Chloe, riuscirà a farle vedere una nuova facciata dell’amore. Perché come ben sappiamo, quando Paullina Simons racconta una storia d’amore, è unica nel suo genere.

Tuttavia, come vi ho detto, non è riuscita a coinvolgermi come l’amore di Tatiana & Alexander (Il cavaliere d’inverno). Quando conosciamo un’autrice per un romanzo di alto livello, ci aspettiamo sempre di ritrovare quell’amore anche in nuove storie. La lentezza narrata in Una valigia piena di sogni, non è riuscita sicuramente a compensare quella bellezza. Il romanzo si divide in tre parti: prima del viaggio, durante il viaggio e dopo il viaggio. Le prime due parti sono sicuramente quelle più lente da leggere, almeno fino all’arrivo di Johnny, che riesce a salvare un pochino il romanzo. Paullina Simons racconta in primis il viaggio di quattro ragazzi, che riusciranno a trarre vantaggio da questa nuova esperienza di vita. Non mi sento assolutamente di sconsigliarvi la lettura, che nonostante non è riuscita a coinvolgermi appieno, potrebbe riservarsi per voi un gradito passatempo estivo.

Precedente Fear The Walking Dead: Recensione 2x07 (MID-SEASON): Shiva Successivo Recensione: "L'amore è un disastro" di Jamie McGuire