Recensione: “Tutto ciò che sappiamo di noi due” di Colleen Hoover

Cari lettori, sono emozionatissima. Mi si stringe quasi il cuore a fare questa recensione, perché dopo due anni ho finalmente tra le mani questo splendido libro. Un sequel che ho atteso fino al midollo, contando letteralmente i giorni. Ho recensito specialmente proprio ieri il primo libro di questa splendida trilogia (QUI), ed oggi vi parlerò del secondo. Il terzo spero uscirà a breve, perché ne ho assolutamente bisogno. Ma se ancora non avete capito di cosa sto parlando, questa è l’occasione giusta per proseguire con la lettura. Un grazie doveroso va sempre alla Fabbri Editore, per avermi inviato la copia MAGICA di questo romanzo.

Tutto ciò che sappiamo di noi due colleen hooverTitolo: Tutto ciò che sappiamo di noi due

Autore: Colleen Hoover

Edito da: Fabbri Editore

Pagine: 288

Prezzo: 15,90€

Data d’uscita: 18 Giugno 2015

Trama: La poesia ha insegnato a Will e Layken ad amarsi, per stare insieme hanno dovuto superare ostacoli che sembravano insormontabili, hanno dimostrato al mondo che quando si è uniti si può affrontare ogni difficoltà e riemergere più forti e determinati di prima. La vita li ha messi di fronte a enormi responsabilità: sono giovanissimi, ma devono prendersi cura dei fratellini, cercando allo stesso tempo di ritagliarsi un piccolo spazio dedicato soltanto a loro due. Ma un giorno, all’improvviso, il passato di Will torna a bussare alla porta, e lui, per non turbare il difficile idillio con Layken, decide di tenerla all’oscuro di tutto. Ma lei lo scoprirà lo stesso, e sarà costretta a chiedersi su cosa si fonda davvero il loro rapporto, arrivando addirittura a mettere in dubbio la sincerità dei sentimenti di Will. La loro storia è a rischio, devono decidere se lottare per un futuro insieme o se rassegnarsi a stare lontani. Fin dove sarà disposto a spingersi Will per dimostrare a Layken che il suo amore durerà per sempre? La sua risposta cambierà non solo la loro vita, ma quella di tutte le persone che li circondano.

Puoi acquistarlo qui:

 

La serie “Slammed” è composta da:

1. Slammed (Tutto ciò che sappiamo dell’amore)

2. Point of Retreat (Tutto ciò che sappiamo di noi due)

3. This Girl

La mia recensione:

Ogni volta Colleen Hoover mi lascia senza parole. E’ quasi una sofferenza parlare dei suoi libri, tant’è che mi asterrei quasi nel farlo, ma poi sarebbe un crimine. Come spiegarvi le emozioni che trasudano dalle pagine che scrive questa donna? Semplicemente impossibile. Non affronto mai un libro con la certezza che mi possa piacere, nemmeno quando dovrei aspettarmelo. Ovvio, ci sono sempre delle grosse aspettative, soprattutto se si tratta di un libro che aspettavi da decenni, ma prima di leggerlo cerchi sempre di fare un respiro profondo e prenderlo come viene. L’importante alla fine è il ritorno di Will e Layken, i nostri protagonisti. Quei due personaggi che l’autrice continua a descrivere così egregiamente. In una narrazione così semplice, così pura, così… forte. In ogni libro di Colleen Hoover c’è una grande verità, un grande insegnamento. Non so come ci riesca, però lo fa. Lo fa con la naturalezza più sfrontata, facendoti piangere per gran parte della lettura. Lo fa trasmettendoti tutta la sua anima, anche nelle situazioni più sconcertanti. Ma soprattutto, riesce a farsi amare anche quando dovresti odiarla. Non mancano mai le soprese, tant’è che ho trovato una variazione nella narrazione. Se il primo libro della saga lo affrontiamo attraverso gli occhi di Layken, il secondo libro lo affronteremo con gli occhi di Will. E no, non sarà la stessa storia del primo, tranquilli. Sarà un vero e proprio continuo, pieno di responsabilità. Perché Will e Layken, nonostante la loro età, devono far fronte a problemi più grandi di loro stessi. La forza la trovano come sempre nel loro amore e nella poesia, ma la minaccia è sempre dietro l’angolo, pronta a bussare in qualsiasi momento. Ogni emozione che vivono, piena di fraintendimenti, di litigi e di confronti, ti arriva però dritta nell’anima. Dai temi più forti a quelli più banali, Will e Layken mantengono la loro purezza.

<<Se fossi un falegname, costruirei una finestra sulla mia anima. Ma la lascerei chiusa a chiave, così se provassi a guardare dentro, vedresti solo il tuo riflesso. E vedresti che la mia anima non è altro che il riflesso di te.>> Da Tutto ciò che sappiamo di noi due.

Il libro si divide in due parti, entrambi splendide, ma quella che mi ha fatto sospirare più di tutte è stata la seconda. In una valle di lacrime ho compreso e intuito quello che sarebbe successo, non lasciandomi però scoraggiare. Perché l’autrice sottolinea sempre la forza dell’amore nei suoi libri, in un modo che non potete neanche immaginate. Dietro alla frase più banale, si nasconde una grande verità. Tutto ciò che sappiamo di noi due ha retto perfettamente il confronto con Tutto ciò che sappiamo dell’amore. Ha affrontato temi più maturi, più delicati e ha aggiunto anche un pizzico di comicità in più. Mi sono ritrovata a ridere e piangere allo stesso tempo, non saziandomi mai delle pagine. Non ho potuto far altro che divorare questo libro in un pomeriggio, pentendomi di arrivare alla fine. Perché questa storia non sarà mai abbastanza, non smetterà mai di esistere nel mio cuore.

<<Il cuore mi batte forte nel petto. Non perché sia teso. Non perché la voglio più di quanto l’abbia mai voluta. Il cuore mi batte così forte perché ho capito in questo momento che non sono mai stato così sicuro di sapere cosa voglio per il resto della mia vita. Per il resto della mia vita io voglio soltanto questa ragazza.>> Da Tutto ciò che sappiamo di noi due.

Una farfalla per i momenti più inadatti. Una stellina per i momenti più bui. Una piccola frase per farvi andare avanti ogni giorno. Una piccola frase per farvi ritrovare il coraggio. Vi sembreranno parole senza senso, frasi sconnesse, ma le capirete solamente dopo la lettura. Tutto ciò che sappiamo di noi due riesce ad essere splendido anche con i suoi personaggi secondari e le new entry. Riesce a introdurre addirittura nuovi temi, come quello del bullismo. Non troverete nuovamente la poesia a “tutto tondo”, come successo col primo romanzo, ma troverete delle nuove sfide. Sfide che vi accompagneranno per tutta la lettura e vi faranno sospirare. Ma d’altronde, io cosa ne posso sapere? Sono solo una lettrice come voi, che riesce a innamorarsi anche della storia più pura e semplice che ci sia. Peccato che quella storia in realtà, abbia molto da dire.

Precedente Recensione: "Tutto ciò che sappiamo dell'amore" di Colleen Hoover Successivo Recensione: "Scommettiamo che ti faccio innamorare?" di Emma Hart