Recensione: “Per te qualunque cosa” di Paige Harbison

Cari lettori, oggi parliamo di Young Adult. Lo so, per voi non è una novità, considerando che è il mio genere prediletto per le letture! In ogni caso, questa volta parliamo d’amicizia. E sì, anche d’amore! Tuttavia, per scoprire di che libro sto parlando, continuate a leggere! Ringrazio ovviamente la Harlequin Mondadori per avermi inviato una copia cartacea del romanzo.

Per te qualunque cosaTitolo: Per te qualunque cosa

Autore: Paige Harbison

Edito da: Harlequin Mondadori

Pagine: 332

Prezzo: 14,90€

Data d’uscita: 5 Maggio 2015

Trama: Natalie e Brooke sono amiche da sempre, e per sempre. Così diverse ma inseparabili. Natalie è tranquilla e studiosa, contenta di stare in casa a guardare vecchi film, mentre Brooke è l’anima di ogni festa, la ragazza più popolare della scuola, quella che ognuna vorrebbe essere. Poi all’improvviso tutto cambia: in una folle notte che Natalie non riesce a ricordare e che Aidan, il ragazzo di Brooke, non riesce a dimenticare. L’amicizia tra le due ragazze si trova a una svolta, mettendo in discussione quello che pensavano di sapere l’una dell’altra e facendo loro scoprire che cosa significhi la vera amicizia.

Puoi acquistarlo qui: 


La mia recensione:

Adoro i libri che si leggono in poche ore. Per te qualunque cosa è uno di quei libri. Ispirata già dalla trama, non vedevo l’ora di immergermi in una lettura con tema centrale l’amicizia, dove le due protagoniste sono praticamente l’una l’opposto dell’altra. Da una parte abbiamo Natalie, la brava ragazza; mentre dall’altra Brooke, l’anima della festa. Come fanno due ragazze così completamente diverse a coesistere? Eppure funzionano perfettamente! Chi non ha mai avuto un’amica così? Io sì, ma l’amicizia che conservano queste due ragazze è rara. E’ un’amicizia pronta a sfidare qualunque cosa. Devo dire che questo libro mi ha piacevolmente sorpresa, come non avrei mai immaginato. Non solo l’autrice decide di ruotare la storia attorno alla vita di queste due giovani ragazze, ma offre anche un panorama della vita vera. Bisogna decidere chi essere, come vivere o come passare le serate. Brooke in questo, per quanto mi riguarda, è stata il personaggio più odioso di sempre. La classica ragazza che vuole l’attenzione di tutti, arricchendosi così di fama. La classica ragazza che nasconde i propri problemi dietro una bottiglia di vodka e due pillole. La classica ragazza che se ne frega se ha un ragazzo bellissimo a portata di mano. Insomma, la classica ragazza che io prenderei a schiaffi!

<<Non c’era modo di saperlo, sapevo solo che non mi era dispiaciuto, purtroppo. Anzi, a voler essere onesta al centro per cento, quel bacio era stato il più bello di tutta la mia vita.>> Brooke Da “Per te qualunque cosa”.

D’altra parte Natalie, nonostante commetta anche lei degli errori colossali, riesce a essere ampliamente più sopportabile della sua best friend! E’ sicuramente il personaggio che ho preferito tra le due. Tra di loro non poteva mancare un ragazzo bellissimo e intelligente (avevate forse dubbi?): Aiden. Aiden è il classico ragazzo per il quale un’amica farebbe carte false. E’ il classico ragazzo che potrebbe rompere un’amicizia per la vita. Non aspettatevi l’amore come tema centrale del libro, perché non è questo il caso. Ci saranno si occhi languidi e palpitazioni, ma l’autrice si dedica maggiormente a quello che lega le due protagoniste, dividendo il libro con i loro punti di vista. Abbiamo quindi una panoramica completa di Brooke & Natalie, che si mescola e incrocia benissimo nelle pagine.

<<(…) A ogni modo provai un brivido intenso ma piacevole, al cuore. I nostri sguardi si incrociarono e per un attimo mi sentii sexy, come si era sempre sentita Brooke. Mi sembrava che anche lui provasse qualcosa per me, bè forse proprio quello che io provavo per lui.>> Natalie Da “Per te qualunque cosa”.

L’unica cosa avrei trattato con maggior delicatezza, sono i temi affrontati dall’autrice. Alcol e droga non possono essere scritti con leggerezza, anche se ci vengono illustrati come problemi gravi. Questo è un po’ giustificato dall’immaturità delle due protagoniste, ma non per questo ci si può permettere una amplia leggerezza sull’argomento. Tuttavia questo libro ha molto da offrire. E’ un libro che si legge in pochissime ore e che si discosta dal tema classico degli Yuong Adult. Quindi, se volete leggere la storia di due amiche un po’ pazze, di un bel ragazzo, e volete rivivere la vostra adolescenza, questa è l’occasione giusta per farlo.

Precedente Recensione: "THE HEIR" di Kiera Cass Successivo Bates Motel: Recensione: 3x09: Crazy