Recensione: “Oblivion III – Opal attraverso gli occhi di Daemon” di Jennifer Armentrout

Miei cari lettori, sono tornata. Lo so, sono imperdonabile! Le festività e tutto il resto mi hanno trascinato in un vortice senza fine, che mi ha fatto trascurare per parecchie settimane il blog. Infatti questo è il primo post dell’anno nuovo. Un pochino in ritardo, non credete? Ebbene sì, ma gennaio è un mese sempre difficile per me e non riesco mai a gestire il tempo come vorrei. Tuttavia, per farmi perdonare, ho una nuova recensione per voi. Si tratta di una saga. In particolar modo, di un libro uscito a Ottobre. La recensione, esplorerà in qualche modo anche la saga in genere, in quanto appartiene a uno svariato numero di volumi. Sopriamolo insieme…

815lnafusdlTitolo: Oblivion III – Opal attraverso gli occhi di Daemon

Autore: Jennifer Armentrout

Edito da: Giunti

Pagine: 336

Prezzo: 12,00€

Data d’uscita: 26 Ottobre 2016

Trama: L’alieno più sexy mai sceso sulla Terra questa volta deve combattere contro qualcosa di molto più grande di lui per proteggere la sua famiglia da un pericolo più che reale. Ma Daemon non è solo, lui e Katy sono diventati inscindibili e questo significa che dovrà soprattutto proteggere la sua amata. Trame oscure ed esperimenti segreti coinvolgono il Dipartimento della Difesa e un’organizzazione spietata, Dedalo, che ha imprigionato Dawson per anni e continua a tenere rinchiuso qualcuno che gli sta particolarmente a cuore. Per annientare l’organizzazione e salvare gli ibridi, bisogna allearsi con coloro che un tempo erano nemici. In gioco ci sono le loro vite, soprattutto quella di Katy. È necessario tornare nell’oscurità per rivedere la luce e salvare due mondi da conseguenze disastrose. Il coraggio e l’amore che uniscono le coppie umano-aliene sono così potenti da sfidare questa terribile minaccia. In un susseguirsi di colpi di scena, che vissuti direttamente da Daemon acquistano una luce del tutto inedita, si conclude questa avventura di proporzioni galattiche.

Puoi acquistarlo qui:

Oblivion è stato diviso in 3 volumi:
1. Obsidian attraverso gli occhi di Daemon. Oblivion vol.1
2. Onix attraverso gli occhi di Daemon. Oblivion vol.2
3. Opal attraverso gli occhi di Daemon. Oblivion vol.3
La serie LUX è composta da:
0.5. Shadows (short novel)
1. Obsidian
1.5 Oblivion (POV di Daemon Black, in Italia diviso in 3 volumi)
2. Onyx
3. Opal
4. Origin
5. Oppositions

La mia recensione:

Chi mi conosce lo sa, io amo follemente Daemon Black. E’ il ragazzo dei miei sogni, un po’ come per Katy. Gli alieni mi affascinano, mi disarmano, mi ammaliano. Daemon, con il suo umorismo e la sua bellezza stratosferica, riesce a tenerti incollato alle pagine. La saga di LUX, scritta dall’amabilissima Jennifer Armentrout, mi ha teletrasportato sulle montagne russe. Per cinque libri su sei (incluso il prequel), mi sono innamorata della storia di Daemon e Katy, tuttavia, in Opposition, non ho ritrovato la stessa magia. Con la nuova saga di Oblivion, incentrata su uno dei miei personaggi preferiti, ho ritrovato la scrittrice che tanto amavo. Jennifer Armentrout si dimostra sempre impeccabile, anche se talvolta non riesce a convincermi. Tuttavia, reputo la sua saga di LUX – e i suoi romanzi attinenti – una delle mie saghe letterarie fantasy/paranormal preferite. Sarà forse perché amo gli alieni e in qualche modo mi ha anche rimandato a Roswell? Non so dirvelo.

D’altronde amo le storie d’amore, nonostante queste incappino spesso in svariati cliché. Daemon Black però è unico nel suo genere. Riesce a dare un’originalità unica al romanzo, anche se questo non aggiunge nient’altro alla storia che già conosciamo. Opal d’altronde, è uno dei miei romanzi preferiti della saga di LUX. Il terzo romanzo di Oblivion, è forse quindi quello che aspettavo di più. Infatti, non mi ha deluso. Forse, ho un po’ faticato nella lettura a causa del mio periodo nero, ma una buona storia d’amore, riesce sempre a tirarmi fuori dal mio abisso del cattivo umore. In conclusione, non mi resta che consigliarvi caldamente tutta la saga e in particolar modo a leggere quella su Daemon, che in alcuni momenti riesce anche a superare di gran lunga quella originale. Se siete stanchi dei romanzi new adult/d’amore, forse è meglio dedicarsi tuttavia a una lettura diversa.

Precedente Anteprima: "La casa delle foglie rosse" di Paullina Simons Successivo Grey's Anatomy: Recensione 13x10: You Can Look (But You'd Better Not Touch)