Recensione: “Il mio cuore e altri buchi neri” di Jasmine Warga

Cari lettori, oggi sono qui per parlarvi di un nuovo romanzo tutto autoconclusivo! Un libro che ho scoperto da poco – anche per via della sua recente uscita – e che ero curiosissima di leggere. Ma per scoprirne di più, dovrete leggere la mia recensione! Ringrazio ovviamente la Mondadori per avermi inviato una copia cartacea del romanzo.

Il-mio-cuore-e-altri-buchi-neri-666x1024Titolo: Il mio cuore e altri buchi neri

Autore: Jasmine Warga

Edito da: Mondadori

Pagine: 279

Prezzo: 17,00€

Data d’uscita: 15 Maggio 2015

Trama: Aysel ha sedici anni, una passione per la scienza e un sogno che coltiva con quotidiana dedizione: farla finita. Tutto ormai sembra convergere in quel buco nero che è diventata la sua vita: i compagni di classe che le parlano alle spalle, un lavoro deprimente, il delitto commesso da suo padre che ha segnato per sempre il suo destino. Aysel vorrebbe sparire dalla faccia della Terra, ma le manca il coraggio di farlo da sola. Per questo trascorre il tempo libero su “Dipartite serene”, un sito di incontri per compagni… di suicidio. Roman, perseguitato da una tragedia familiare e da un segreto che vuole lasciarsi alle spalle, è il prescelto. Eppure, proprio nell’attimo in cui stanno per abbandonarla, la vita potrebbe mostrare il suo lato leggero, dolce e pieno.

Puoi acquistarlo qui:

La mia recensione:

Speranza. E’ la prima sensazione che ho provato sfogliando le pagine di questo libro. Un libro agrodolce, che sa certamente toccare il cuore dei più sensibili. Devo dire che recentemente ho letto un libro su questo argomento (“Raccontami di un giorno perfetto” di Jennifer Niven), quindi le due storie mi sono sembrate parallele tra di loro, ma tuttavia questo non mi ha tolto il piacere della lettura. Come potete leggere dalla trama, o forse intuire dal titolo, questa è una storia che ci narra il percorso di due giovani ragazzi, totalmente depressi. Aysel e Roman s’incontrano per fare un patto: farla finita insieme. Entrambi hanno un motivo per porre fine alla loro breve esistenza, tuttavia insieme potrebbero salvarsi. Perché, come vi ho detto, il tema centrale di questo libro è la speranza.

<<Nell’osservare lui che mi guarda, gli occhi castani grandi e ansiosi, avverto un piccolo brivido nel petto. Sarò ingenua, ma comincio a credere che Roman potrebbe capirmi.>> Da Il mio cuore e altri buchi neri.

Ora, forse penserete che questo libro mi ha lasciato un’unica cosa, ma non è così! Perché “Il mio cuore e altri buchi neri” è una storia dalle mille sensazioni. E’ un libro che trasmette l’importanza di avere qualcuno vicino, che ti conforti, che colmi il buco nero in cui rischieresti di cadere ogni giorno. Proprio come dice il titolo, perché è questo che provano i nostri due protagonisti: il vuoto. La battaglia per la depressione è lunga tortuosa e l’autrice riesce a descriverla tra il toccante e il divertente. Ebbene sì, mi sono ritrovata più di una volta a sorridere! Vi sembrerà strano, ma l’autrice è stata abile anche in questo. Non casualmente mi sono ritrovata a leggere pagina dopo pagina, senza mai staccare gli occhi, per poi finirlo in quattro ore circa. Malata? Forse. Ma la scrittura è così bella e stuzzicante che non riesce mai a cadere nel banale o a stufare il lettore.

<<Forse l’amore non è questo: avere qualcuno che è abbastanza coinvolto da prestarti attenzione, così da incoraggiarti a viaggiare e trasmettere fino a trasformare la tua energia potenziale in energia cinetica. Forse quello di cui abbiamo davvero bisogno è che qualcuno si accorga di noi, ci osservi.>> Da Il mio cuore e altri buchi neri.

Si percepiscono tutte le sensazioni di Aysel, una protagonista intelligente e arguta. Si percepisce quello che prova realmente Roman, attraverso gli occhi di Aysel, che forse non sono ancora pronti a spegnersi di speranza. I nostri personaggi sono caratterizzati quanto basta e arrivano dritto al cuore. Questo libro è un cammino verso la luce. E’ un libro che ti conduce passo dopo passo verso una via d’uscita. I buchi neri sono difficili da colmare, ma con Aysel e Roman preparatevi a vivere un viaggio totalmente unico e indimenticabile.

Precedente The Flash: Recensione 1x23: Fast Enough Successivo Recensione in Anteprima: "A fior di pelle" di Sophie Jackson