Recensione: “Crossover” di Kwame Alexander

Cari lettori, oggi parliamo di un romanzo molto particolare. Un libro a ritmo di basket e hip hop! Ringrazio la Giunti per avermelo inviato e scopriamolo insieme con questa recensione..

Titolo: Crossover

Autore: Kwame Alexander

Edito da: Giunti

Pagine: 252

Prezzo: 14,00€

Data d’uscita: 15 Novembre 2017

Trama: Josh Bell ha la testa piena di dreadlock e un talento naturale per il basket. Lui e suo fratello gemello Jordan sono i principi del campo. Ma oltre al basketball, nelle vene di Josh scorre anche il beat, con cui racconta – in versi veloci e furiosi – la sua difficoltà ad attenersi alle regole, in campo come nella vita. Ma chi sfida le regole spesso non si rende conto che il prezzo da pagare può essere altissimo, non solo per lui ma anche per chi gli sta accanto.

Puoi acquistarlo qui:

La mia recensione:

Crossover è un romanzo in versi, che ci racconta la passione per il basket. Josh ha tredici anni e vive per questo sport. Tra un crossover e l’altro, desidera di diventare come suo padre, un grande campione. Kwame Alexander ci racconta una storia toccante, tra una rima e l’altra, dove scandisce il libro con un ritmo tutto hip-hop. Facilmente finirete il libro in un’oretta o poco più e, se amate la poesia, troverete sicuramente affascinante questa storia. Josh si ritrova a vivere la vita di tutti i giorni, con qualche piccolo imprevisto. Come ogni adolescente, sarà distratto da una ragazza, che si contenderà niente meno che con il suo fratello gemello. La passione per il basket non sfumerà di certo, anche se in primo luogo quello che importerà a Josh sarà ben altro.

L’affetto per la sua famiglia, diventerà infatti uno dei suoi pensieri primari. Kwame Alexander quindi, riesce con poche parole a trasmetterti i valori che ogni giorno trascuriamo. Dai tiri liberi che il padre condanna al figlio, fino ad arrivare all’importanza dei valori affettivi. Crossover è un romanzo delicato, semplice, ma anche molto struggente. Sicuramente un libro piacevole, con cui staccare la testa in un triste giorno di pioggia.

Precedente Recensione: "Il sole è anche una stella" di Nicola Yoon Successivo Anteprima: "Fandom" di Anna Day