Recensione: “Antiche voci da Salem” di Adriana Mather

Cari lettori, ben ritrovati con una nuova recensione librosa! Settembre sta proprio volando, non c’è che dire, e come al mio solito mi ritrovo molto indietro con le letture. Sto cercando però di recuperare, infatti cercherò di leggere moltissimi libri prima della fine dell’anno. Ma bando alle ciance e parliamo del libro di oggi! L’argomento è… la stregoneria! Inviatomi dalla splendida Giunti, che ringrazio infinitamente, un romanzo che mi ha letteralmente stregata! Scopriamolo insieme..

Antiche-voci-da-Salem-di-Adriana-Mather-Come-si-impicca-una-strega-How-to-Hang-a-WitchTitolo: Antiche voci da Salem

Autore: Adriana Mather

Edito da: Giunti

Pagine: 384

Prezzo: 16,00€

Data d’uscita: 31 Agosto 2016

Trama: Salem, ai giorni nostri: quando Samantha Mather si trasferisce nell’antica casa avita per stare vicina al padre, ricoverato perché misteriosamente in coma, trova in città un’accoglienza piuttosto fredda. Sono passati ormai tre secoli da quando il suo antenato Cotton Mather è stato protagonista del processo alle streghe, firmando il trattato usato a fondamento delle condanne, ma i rancori che allora avevano spaccato la comunità sono ancora terribilmente vivi. Isolata e avvolta dall’ostilità gelida degli Eredi delle presunte streghe, Samantha si trova intrappolata in un complicato groviglio in cui passato e presente si intrecciano pericolosamente. Soltanto Jaxon, figlio della migliore amica del padre e segretamente attratto dalla ragazza, sembra immune a quell’odio, almeno finché Samantha non entra in contatto con l’affascinante Elijah, uno spirito tragicamente coinvolto nelle antiche vicende storiche, e le cose si complicano. Samantha scopre un modello ricorrente nei secoli, in base al quale le famiglie dei perseguitati e dei persecutori pagano un terribile tributo di morti. C’è solo una speranza per evitare che la storia si ripeta: svelare i segreti del passato fra odi antichi e passioni, e rinunciare a qualcosa di sé per aprirsi a un sentimento nuovo.

Puoi acquistarlo qui:

La mia recensione:

La stregoneria, quanto mi affascina? Fin da ragazzina, sono sempre stata attratta dalla magia e dalle sue svariate sfaccettature. Ho visto un milione di telefilm in merito, ho letto un milione di libri in merito e mi sono divertita a praticarla per gioco. Antiche voci da Salem mi ha quindi incuriosito fin subito dal titolo e non ho esitato nemmeno un momento per poterlo leggere a capofitto. Il romanzo fa parte di una saga, ma l’ho trovato di per se autoconclusivo, quindi mi chiedo che altre avventure abbia in mente la nostra scrittrice! Ma andiamo con ordine! La nostra protagonista, Samantha Mather – Sam per gli amici – si trasferisce nell’affascinante Salem con la madre. Sam è convinta di essere vittima di un’antica maledizione, ed è pronta a tutto pur di tornare a vivere la sua vita normalmente. Quando Sam è in giro, accadono strane cose. Ogni essere vivente si fa male, tranne lei, e tutti tendono a deriderla ed escluderla anche a causa del suo cognome, molto conosciuto nella città. Principalmente, viene bullizzata dalle Eredi, ma ben presto dovrà scoprire che dovrà stringere un particolare legame con loro. Non voglio però rivelarvi troppo sulla trama del libro, in quanto ha una sana e ricca dose di mistero! L’ambientazione è a dir poco fantastica e la narrazione alquanto scorrevole. Nella prima parte del libro sono rimasta parecchio coinvolta nella vita di Sam, ma devo ammettere che via a via il tono si è un pochino abbassato.

Ho trovato comunque il romanzo molto coinvolgente, con al centro il tipico triangolo d’amore! Non un triangolo normale, però, badate bene, perché uno dei due ragazzi è un fantasma. Ebbene sì, chi l’avrebbe mai detto La nostra protagonista vuole proprio incasinarsi con i problemi di cuore!

Antiche voci da Salem sa come incatenare alle pagine il lettore, proponendo una ricca dose di suspance e mistero. Vi ritroverete a tifare per il bel Elijah, oppure per Jaxon? Lasciatemelo dire, Elijah ha il suo fascino ed essere un fantasma lo aiuta nell’originalità! I personaggi descritti da Adriana Mather non peccano assolutamente di qualità e vi faranno innamorare di loro! Non mi resta quindi che consigliarvi questo bel libro, che ho trovato una piacevole compagnia in un pomeriggio domenicale. Quasi quasi mi diletto anche io negli incantesimi, credo proprio di essere maledetta come la nostra Sam! Chissà se funzionerà! Vi terrò aggiornati..

I commenti sono chiusi.