Pretty Little Liars: Recensione 7×14: Power Play

Pretty Little Liars: Recensione 7×14: Power Play

Marlene King ha dato vita all’episodio più trash e no sense della storia, ma allo stesso tempo ci ha dato qualche risposta. Non so neanche io se esserne contenta, oppure se utilizzare queste informazioni per rinchiudermi in un manicomio. 

Ad ogni modo, parliamo di questa strabiliante puntata, dove anche tuo padre potrebbe essere nello show. Incontriamo gente come Ted, Sindney, il cameraman riflesso nel tablet di Aria, i poveri alberi usati per produrre quella trashata del libro di Aria & Ezra (ma ancora con questa trama, seriamente?), lo sfracellamento di coglioni che mi assale ogni volta che inquadrano Paige..

Ce ne frega qualcosa? Assolutamente no. In Pretty Little Liars, le risposte arrivano in un blocco di cinque minuti, con collegamenti che farebbero invidia anche al più geniale del no sense. E’ il turno di Alison questa settimana, che ci conferma quello che avevamo ipotizzato da settecento anni: è incinta di Emilio. Grazie a dio ha fatto colpo, ma prima di tutto ciò, dobbiamo sorbirci una scena Paily priva di senso logico, che farebbe invidia al mondo di Patty. Come se non bastasse, infiliamoci un limone duro. 

Va beh, dettagli irrilevanti. Mentre Marlene continua a bombardarci di trame inutili, tra cui Aria che lotta per chi accopperà Nicole per prima, ci ritroviamo a scorgere un barlume di sano trash. Orso Ted è tornato più forte che mai, pronto a immischiarsi con un personaggio come Mary, per far si che anche lui rientri nel grande quadro di Beautiful. Mary ha ingravidato tutta Rosewood, proprio come Peter, d’altronde una figlia come Spencer doveva aver preso la sua passione per il carrello da entrambi i genitori. Ma la rivelazione più assurda, arriva nel momento di Sidney. Ebbene, ovviamente non si tratta di A.D., ma veniamo a scoprire che è praticamente uno dei principali del team.. ma non lo sapevamo già? Va beh, cose totalmente inutili, solamente per offrirci una scena super trash. Aria, nel momento in cui può scoprire chi c’è al volante della limousine, decide di non schiacciare il famigerato bottone..

Io boh, stupidità a pari livello con la decisione di affrontare il presunto A.D. completamente da sola. E nel frattempo, scopriamo che al campo dei pischelli, con Cece quel giorno c’era anche Lucas. Che Lucas è l’amico fidato di Cece. Che io non ci sto a capì più un cazzo delle storyline, perché a momenti è immischiato pure il gatto che non ho mai avuto. E intanto un giorno c’era Jessica, ma non era Jessica. Era Mary travestita da Jessica, che non voleva uccidere Spencer, ma voleva vendetta per BOH, sta di fatto che ha ucciso Jessica, però voleva incolpare Peter, che però non vuole prendersi la colpa e vuole solo ingravidarle tutte.

Va beh ragazzi, io non ho capito un cazzo, so solamente che il telefilm è il più trash della storia. A momenti pure io ho un parente in Pretty Little Liars. L’importante però, è aver avuto le risposte che cercavamo, almeno alcune, anche se queste di per se – NON HANNO UN FICO SECCO DI LOGICO, CI RENDIAMO CONTO? – Ma siamo contenti, perché la puntata finalmente apre questioni, ci risponde MA NON QUADRA UN CAZZO e ci viene incontro – INCONTRO COSA CHE E’ COINVOLTO TED, SIDNEY, LUCAS, MA CHI CAZZO SONO – regalandoci momenti bellissimi – MA TI RENDI CONTO CHE NICOLE STA ANCORA IN MEZZO ALLE PALLE E MARCO SI TROMBA ANCORA SPENCER – Va beh, l’importante è sapere che a questo mondo ci sono uomini come Divano Fitz.

Voto: Entusiasmante come il non ho capito un cazzo

P.s. Ricordatemi chi non è stato ingravidato in questa cittadina, inizio a perdere il conto!

Se vi va aggiungetemi QUI.

Lasciate un like QUI.

Seguitemi su Instagram.

Precedente Recensione: "Insegnami a vedere l'alba" di Josh Sundquist Successivo Grey's Anatomy: Recensione 13x23: True Colors