The Big Bang Theory: Recensione 8×13: The Anxiety Optimization

big-bang-theory

The Big Bang Theory: Recensione 8×13: The Anxiety Optimization

Dopo questa puntata voglio assolutamente giocare con Howard a “Emily o Cannella”!

Detto questo, l’ultima puntata di TBBT è stata tutta incentrata su Sheldon e sui suoi tentativi di mantenere alti i suoi livelli di stress per aumentare la produttività dato che le ricerche sulla materia oscura non stavano procedendo al meglio. Ovviamente le scene comiche non sono mancate, come quella di Amy col palloncino, ma soprattutto abbiamo potuto riascoltare “Soffice Kitty” dopo veramente tantissimo tempo!

Sir Isaac Newton Armadillo penso me lo sognerò di notte, è stata una scena angosciante quella in autobus, ma anche Sheldon e la sua cuffia erano abbastanza imbarazzanti!

Unica pecca forse è proprio che degli altri personaggi abbiamo visto poco o niente dato che erano giusto lì di contorno per riempire la storia di Sheldon, ma per quel poco che ci sono stati hanno quasi sempre giocato a “Emily o Cannella”, cioè se Raji dicendo una determinata frase si riferiva alla sua ragazza o al suo cane, e io mi sono troppo divertita (comunque al 90% la risposta è sempre “Cannella”)!

Purtroppo ho saltato la recensione di un paio di episodi, ma per quanto mi riguarda TBBT è sempre stato sufficiente durante quest’ultima stagione nonostante abbia sentito diversi pareri discordanti a riguardo…sarò io poco imparziale? Che il livello si sia un po’ abbassato lo posso accettare, ma da qui a dire che ormai il telefilm sia da buttare ce ne vuole!

Recensione a cura di Anna Nicoli